Video. Tale e Quale show, Sergio Assisi commuove la giuria sulle note di Napule è

Sergio AssisiNon avrei mai pensato un giorno di poter imitare il mio idolo“, e invece lo ha fatto ieri sera durante la terza puntata di Tale e Quale show. Un successo straordinario per Sergio Assisi, capace di commuovere il pubblico e i giurati della trasmissione tv in onda su Rai Uno grazie ad una toccante interpretazione della canzone più celebre del compianto Pino Daniele, “Napule è”.

L’attore napoletano si è esibito vestendo i panni di uno dei più amati cantautori della storia della musica napoletana in tutti i sensi. Come da consueto per il programma condotto da Carlo Conti, infatti, l’esibizione consta non solo nell’imitazione canora ma anche in quella estetica, con Sergio Assise che quindi ha indossato la celebre giacca di pelle di Pino Daniele e una parrucca che ricordasse la sua capigliatura un po’ sbarazzina.

Grande commozione nei presenti sin dalle prime note, con Loretta Goggi – uno dei giurati, assieme a Claudio Amendola, Luca Argentero e ad Enrico Montesano – quasi in lacrime per la prova sciorinata da Assisi: “Sono rimasta molto colpita. L’hai cantata non solo in maniera delicata, senza giocare tanto sulle caratteristiche vocali di Pino Daniele e hai fatto bene, perché questa è una canzone dove lui era presente proprio con l’anima e tu ci hai messo l’anima ed è una cosa che è arrivata diritta al cuore“.

Loretta GoggiEntusiasti anche i commenti degli altri giurati, tra cui Enrico Montesano, che ha dato vita a un siparietto molto divertente e “romantico”: “Pensa, in quel periodo andavi a teatro e c’era Troisi, andavi a un concerto e c’era Pino Daniele, andavi allo stadio e c’era Maradona“. “Ora, invece, c’è Sergio Assisi, fatt’ ‘o cunto“, la risposta ironica dell’attore.

Anche Claudio Amendola ha manifestato grande plauso per l’esibizione, confessando che “Napule è” è la canzone che ha ascoltato di più durante la sua vita e che Pino Daniele è il suo cantante preferito.

ECCO IL VIDEO INTEGRALE DELLA PERFORMANCE DI SERGIO ASSISI: CLICCA QUI

Potrebbe anche interessarti