Video. Cruciani: “Piagnisteo ancestrale, Napoli è specializzata in questo”. La risposta di Aprile

Durante la trasmissione “Bianco e Nero“, andata in onda ieri sera su La7, uno degli argomenti principali ha riguardato l’arrivo a Napoli di Matteo Salvini. La presenza del leader leghista ha creato diversi scontri nei pressi di Fuorigrotta, riaprendo l’annosa questione tra Nord e Sud. Ospiti della trasmissione, tra gli altri, il giornalista e scrittore Pino Aprile, il giornalista Giuseppe Cruciani ed il sociologo Domenico De Masi.

Il primo a prendere la parola è stato il conduttore del programma radiofonico “La Zanzara”. A proposito dei napoletani, Cruciani dice che “il loro è un piagnisteo ancestrale. È uno dei grandi problemi che ha Napoli. Nel momento in cui la loro squadra non vince, scatta il vittimismo e la sindrome del complotto. Non è solo Napoli, ma è specializzata in questo“.

La risposta è di Pino Aprile, il quale ritorna all’Unità d’Italia per spiegare le differenze che, ancora oggi, sussistono in diverse parti d’Italia: “Questo paese non è mai stato unito. Eravamo più uniti prima dell’Unità. Cos’è la colonia? La colonia è un territorio ricco di risorse ma con una popolazione povera. La Lucania ha i più grandi giacimenti petroliferi d’Europa, potrebbero ripagare il debito pubblico italiano, ma non sono i texani d’Italia“.

Successivamente, ha parlato il sociologo Di Masi, il quale la vede diversamente da Aprile: “Se non ci fossero stati questi scontri, nessuno si sarebbe accorto dell’arrivo di Salvini. Il Sud si trova in una posizione geografica strepitosa, al centro del mondo, ha una serie di grandi risorse. Il risultato? Ha un PIL che è giusto la metà della Lombardia. C’è qualcosa che non torna. E quello che non torna è l’incapacità organizzativa dei meridionali”.

Prosegue: “È inutile parlare dei piemontesi. La questione meridionale l’ha spiegata benissimo Francesco Saverio Nitti. Non bisogna cadere nella diatriba Nord contro Sud. Dobbiamo rimboccarci le maniche e acquisire capacità organizzative“. Di seguito, il video della puntata

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più