Video. Shara lancia Il Bacio del Risveglio: “Canto il rinascimento napoletano e il riscatto”

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=ds8VjB-Kelg[/youtube]

Un brano carico di sentimento e radici, di passione e riscossa. Si tratta del nuovo progetto di Shara, la cantautrice partenopea che sabato mattina ha presentato al Pan di Napoli il suo nuovo videoclip. Il bacio del risveglio” , che ha avuto il patrocinio morale del Comune di Napoli, è un viaggio negli angoli della città in cui il tempo si è fermato e ha incontrato l’arte. E poi, la vibrazione onirica.

Un viaggio che, tuttavia, non racconta una fiaba, ma la realtà di Napoli e il suo caldo risveglio.

“Video e canzone diventano una cosa sola” secondo Michelangelo Iossa, giornalista e critico musicale, intervenuto alla presentazione del videoclip. Presente, inoltre, all’evento anche il regista del progetto Michele Pesce, professionista napoletano.

Shara, se dovessi usare solo tre definizioni per riassumere il tuo intero progetto…?
Direi che il mio brano parlerebbe di un Viaggio nella storia di Napoli, di Rinascimento napoletano  e di Riscatto, in quanto il Bene vincendo sul Male fa affiorare la nostra verità.

Pertanto la parola “risveglio” nel titolo si riferisce al rinascimento che la città sta vivendo?
Si, il senso di Risveglio c’è tutto e lo vedo come un vero e proprio rinascimento napoletano, nel senso più ampio del termine. Dall’aspetto sociale, a quello culturale, fino a quello economico.

Il video è stato girato in diverse location della città: cosa ha guidato la scelta dei luoghi?
Le location rappresentano il perno del mio lavoro: l’intento è quello di mostrare quanta arte e quanta storia vivono all’ombra di questa Partenope che si sta finalmente destando.

Tra le location abbiamo, ad esempio, l’archivio storico di Napoli, il quale è stato molto rappresentativo della storia del Regno delle due Sicilie. Un documento prezioso del nostro passato, che purtroppo non tutti conoscono.

Oltre l’amore per la tua città, c’è anche il tuo lavoro all’estero e i tuoi viaggi passati: cosa porteresti in “valigia” a Napoli? Cosa manca di importante a questa città?
A Londra ho sperimentato la “fiducia” alla creatività che qui manca. Lì non mi sono mai sentita dire ‘ sì, fai la cantante, ma qual è il tuo vero lavoro?’ .

In Italia e non solo a Napoli manca il concetto del ‘sogno’, ossia costruire qualcosa di concreto su ciò che amiamo fare. Inoltre all’estero affidano incarichi prestigiosi anche a persone di vent’anni,  purché  si mostrino capaci. Quindi in valigia mi porterei la meritocrazia e il senso del ‘tutto è possibile’ . Se ci credi veramente, le cose accadono.

Qual è, se esiste, l’artista napoletano che ha più ispirato il tuo lavoro? ovviamente, non necessariamente cantante o musicista…

Napoli è ricca di artisti. E li amo tutti. A Napoli quando si fa arte, la si fa con la “a” maiuscola.

Quindi Totò e Peppino, Pino Daniele e Troisi, Luisa Conte e Erri De luca. Potrei continuare all’infinito…

Le istituzioni hanno dato il patrocinio morale al tuo lavoro. E’ importante questa vicinanza. Tutti i cittadini dovrebbero sentirla, invece, soprattutto in periferia, si soffre dell’assenza delle istituzioni. Pensi che la musica, al contrario, può arrivare ovunque? Come?
La musica è condivisione. Attraverso essa si possono scambiare opinioni, progetti e idee. Il mio progetto “Vento del sud” aveva proprio questo scopo. Oggi è diventato, in effetti, una rubrica televisiva all’interno della trasmissione Mattina 9, in cui, assieme al mio compagno Salvatore Di Matteo, apriamo con molto piacere le porte ai colleghi e alle realtà che realizzano iniziative a sostegno della crescita di Napoli. Per quanto riguarda le istituzioni, sì esse dovrebbero essere più presenti perché è la sinergia tra le parti che crea una collettività felice.

Un’ultima curiosità (ritornando al videoclip): qual è la metafora delle cicatrici dietro la schiena che si vedono nel videoclip (e in foto)?
Le cicatrici sono ferite. Esse rappresentano ciò che ci è stato tolto e che invece siamo destinati ad avere, in quanto eredità di un popolo.

Shara presenterà il videoclip della sua nuova canzone in bellissime location di Napoli:

Sabato 13 Maggio ore 11.30
Complesso Monumentale si San Severo Al Pendino
Ingresso Via Duomo 286

Giovedì 18 maggio ore 21.00
CONCERTO VENTO DEL SUD
Teatro Il Primo Viale del Capricorno 4
per info 347/5523750

Domenica 21 Maggio ore 11.30
Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore
ingresso vico San Domenico Maggiore

Sabato 27 Maggio ore 16.00
Casina Pompeiana Villa Comunale di Napoli
ingresso da San Pasquale a Chiaia

Potrebbe anche interessarti