Napoli, pitbull con orecchie tagliate e rinchiusi in gabbie: denunciati

Dopo una segnalazione sono state trovate a Napoli delle gabbie con reclusi dei pitbull. I proprietari sono stati denunciati per maltrattamento e abbandono ed anche per occupazione di suolo pubblico.

Dopo una segnalazione, la Polizia Locale con l’Unità Operativa Vomero guidata dal Capitano Gaetano Frattini dell’Unità Operativa Tutela Ambientale guidata dal Capitano Enrico del Gaudio unitamente al personale della Polizia di Stato Commissariato San Paolo e Servizi Veterinari ASL Napoli 1 Centro diretti dal dott.Vincenzo Caputo riscontravano in via Vicinale Paradiso all’interno dei viali delle case popolari, nei pressi del Centro Paradiso ex sede di allenamento della Società Calcio Napoli, due costruzioni in metallo di circa 15 mq utilizzate come gabbie per i cani costruite su suolo pubblico.

All’interno delle stesse si trovavano cani di razza “Pitbull” per un totale di quattro cani, tre di sesso femminile ed uno di sesso maschile, che erano tutti microcippati e per due di essi veniva accertato che le orecchie erano state recise.

I Servizi Veterinari ASL Napoli 1 Centro prendevano gli stessi in affidamento per monitorarne lo stato di salute, in caso positivo saranno riaffidati al proprietario con l’ammonizione che in caso di recidiva saranno confiscati.

La Polizia Locale faceva intervenire poi il Servizio Autoparco che procedeva alla demolizione delle gabbie, risultate abusive, con la rimozione dei suppellettili da parte dei Servizi ASIA.

Per i titolari scattava la denuncia all’Autorità Giudiziaria per invasione ed occupazione di suolo pubblico, danneggiamento e costruzione abusiva.

Potrebbe anche interessarti