Da Sorrento ad Amalfi, la protesta degli invisibili del Turismo: “Un cuscino è tutto ciò che ci rimane”

protesta turismo

E’ ormai più di un anno che alcune città di tutta Italia non ospitano turisti, con relativo crollo di prenotazioni. L’impossibilità di muoversi da una Regione ad un’altra blocca chi da sempre sceglieva le mete campane per un weekend di sole e di mare. In attesa di vaccinare gli abitanti delle isole, tocca al comparto del turismo di Amalfi, Capri, Ischia e Sorrento scendere in piazza a manifestare.

Un settore fortemente danneggiato dalle restrizioni e dalla pandemia che compatto chiede ‘Dignità e Lavoro‘. E per farlo ha scelto come oggetto simbolo un cuscino: “Un cuscino è tutto ciò che ci rimane, il nulla”, “Ristori insufficienti, B&B dimenticati“. Come scritto dall’Associazione dei B&B e Affittacamere della Campania:

“Con i nostri gestori Abbac Siamo stati in quattro piazze del turismo della Campania. Amalfi, Capri, Ischia e Sorrento per rivendicare il diritto e la dignità della nostra filiera turistica abbandonata dalle istituzioni e senza prospettive. Per i nostri B&B e strutture extralberghiere non ci resta che cuscini  Vogliamo vaccinazione diffusa, strategia concreta per salvare la stagione turistica, sostegni veri per le famiglie integrative del reddito e veri contributi per le imprese del nostro settore. Detassazione fiscale con un anno bianco e autentico rilancio turistico vero motore economico nazionale e locale”.

Con i nostri gestori Abbac Siamo stati in quattro piazze del turismo della Campania. Amalfi Capri Ischia e Sorrento per…

Pubblicato da Abbac Associazione dei Bed & Breakfast ed Affittacamere della Campania su Sabato 10 aprile 2021

Insieme ai proprietari delle strutture ricettive sono scesi in piazza a protestare anche il mondo dello spettacolo, le guide turistiche, le agenzie di viaggi e di noleggi con conducenti. Tutti uniti per far ascoltare la propria voce, quella degli ‘invisibili’.

Pubblicato da Coordinamento rilancio del turismo su Sabato 10 aprile 2021

A loro fianco anche i sindaci della penisola Sorrentino. Come spiegato dal primo cittadino di Sorrento, Massimo Coppola:

“Come amministrazione comunale, e insieme a tutti i sindaci della penisola sorrentina, non possiamo che sostenere la protesta dei lavoratori del comparto turistico del nostro territorio. La nostra presenza, questa mattina, in piazza Tasso, testimonia ancora una volta la vicinanza al dramma economico e sociale che tantissimi concittadini vivono, a causa della crisi generata dalla pandemia. Continueremo a lavorare affinchè la situazione di centinaia di famiglie possa migliorare nel più breve tempo possibile”.

“Come amministrazione comunale, e insieme a tutti i sindaci della penisola sorrentina, non possiamo che sostenere la…

Pubblicato da Comune di Sorrento su Sabato 10 aprile 2021

 

Potrebbe anche interessarti