De Luca ai non vaccinati: “Se si prosegue così saremo in lockdown nel giro di pochi mesi”

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del consueto aggiornamento alla cittadinanza ha affrontato la questione dei vaccini temendo che l’elevata percentuale di non vaccinati possa determinare un nuovo lockdown.

De Luca ai non vaccinati: “Così andremo verso un nuovo lockdown”

Queste le sue parole: “Noi avremo nel mese di luglio una riduzione pesantissima nelle consegne di vaccini alle Regioni. Continua da parte del Governo e del commissario un atteggiamento di minimizzazione e occultamento della realtà. La realtà è pesante. Arriveranno alle Regioni centinaia di migliaia di dosi in meno di vaccino. Le Regioni saranno nella condizione di non poter quasi fare nessuna prima vaccinazione e dovranno concentrarsi sui richiami. Questa è la realtà vera che non viene comunicata ai cittadini italiani”.

“Proseguendo in un atteggiamento di comunicazione disastrosa che ha determinato un rilassamento da parte di milioni di cittadini, cosa assolutamente sbagliata. Prosegue una gestione scorretta delle consegne di vaccini. Ormai non trovo più le parole per denunciare questa scorrettezza. Ad oggi il Lazio riceve 240 mila dosi di vaccino in più rispetto alla Campania, a parità di popolazione. Mi sono stancato anche di sottolineare la scorrettezza del commissariato e del Ministero della Salute, è una vergogna se si tiene conto del fatto che abbiamo la popolazione più giovane e la densità più alta. Sono degli irresponsabili”.

“Registriamo un elemento di criticità nella città di Napoli. Bisogna parlare con una chiarezza brutale: se si prosegue così noi andiamo verso un nuovo lockdown nel giro di pochi mesi. I dati dai quali credo che dobbiamo partire sono molto semplici. Ad oggi per quanto riguarda l’Asl Napoli 1 centro su 839 mila cittadini residenti e vaccinabili vi sono 317 mila non adesioni. Si tratta di 317 mila cittadini che hanno deciso di vaccinarsi, non è un dato sostenibile, significa andare pari pari verso il lockdown dopo settembre. Bisogna parlare chiaro così ognuno si assume le sue responsabilità”.

“Della Asl Napoli 1 sui cittadini che hanno aderito sono stati vaccinati il 62% dei cittadini. Manca un 8% per arrivare ad una soglia di immunità di gregge. Sui residenti complessivi sono stati vaccinati il 59% dei cittadini, su quelli che hanno aderito abbiamo vaccinato il 95%. Ci sono quelli che non vogliono vaccinarsi e quelli che fanno finta di non sentire dopo la prima, seconda e terza convocazione. Non è tollerabile”.

Potrebbe anche interessarti