Dopo appena tre giorni, cambia nuovamente il modello di autocertificazione: indicare lo spostamento da-a

modello autocertificazione

Gli italiani che vorranno uscire di casa, dovranno stampare un nuovo modello di autodichiarazione. Cambia nuovamente, dopo appena tre giorni dall’ultimo, l’autocertificazione adattandosi alle nuove misure previste nel decreto dal premier Giuseppe Conte.

A darne l’annuncio, durante un’intervista a SkyTg24, è il Capo della Polizia Franco Gabrielli. Queste le sue parole:

“Sulle diverse modifiche sono state fatte ironie. Non lo facciamo perché non sappiamo cosa fare o non fare, ma lo facciamo perché chiaramente cambiano le disposizioni e dobbiamo aggiornarle, anche per intercettare i quesiti che arrivano dai cittadini”.

Sui controlli che fino a oggi sono stati di due milioni e 600 mila, Gabrielli spiega:

“Ai miei uomini ho detto che dobbiamo essere rigorosi ma anche umani. L’umanità è anche comprendere che i cittadini a volte sono bersagliati da disposizioni non sempre omogenee, perché non abbiamo solo disposizioni nazionali ma abbiamo anche disposizioni regionali, e quindi dobbiamo farle comprendere. Bisogna colpire i furbi ma aiutare le persone che hanno bisogno e che sono dalla nostra parte, ma che magari la non perfetta comprensione delle disposizioni rende in una condizione non corretta”.

Ma cosa cambia nel nuovo modulo che presto sarà scaricabile online?

Nel nuovo modulo, che si adatta all’ultimo decreto di Conte, il dichiarante deve indicare oltre alla residenza anche il proprio domicilio, da dove lo spostamento è cominciato e la destinazione finale. Per quanto riguarda i motivi, resta quello lavorativo, salvo comprovate esigenze; i motivi di salute e la situazione di necessità (fare la spesa). Viene introdotta una nuova voce: assoluta urgenza che sostituisce quella precedente del rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Questo è stato fatto proprio perché ora sono vietati gli spostamenti anche all’interno dello stesso Comune. Inoltre è indicata la Regione di provenienza (ogni Regione ha una diversa ordinanza).

Ovviamente al momento dei controlli, la Polizia è dotata del modulo che può essere compilato sul posto senza quindi stamparlo e portarlo con sé.