Covid, ad Avellino ricoverato bambino di 7 anni: “Si sta abbassando la guardia”

Ospedale Cardarelli CoronavirusNella provincia di Avellino cala il tasso di positivi, ma preoccupa la diffusione del covid: il virus ha colpito anche un bambino di 7 anni, che al momento è ricoverato in ospedale. A riportare la notizia è Il Mattino.

Nella provincia avellinese sono in tutto 90 i nuovi casi registrati su 1.162 tamponi analizzati. Il rapporto tra tamponi esaminati e cittadini positivi ha subito un deciso calo, arrivando al 7%. Oltre alla situazione del bambino contagiato ad Avellino città, a preoccupare sono anche i decessi per covid, che non si arrestano.

Leggi anche: Monitoraggio GIMBE, Campania in fascia rossa: ha oltre 80.000 positivi

Si conta infatti un’altra vittima del virus: è deceduto ieri mattina, nella terapia intensiva del Covid Hospital dell’ospedale Moscati, un paziente di 83 anni di Avellino. L’uomo era ricoverato dal 22 febbraio ed era entrato in terapia intensiva il 27.

I nuovi casi riscontrati dall’Asl nella provincia di Avellino sono così suddivisi: 2 persone residenti ad Aiello del Sabato, 1 ad Altavilla Irpina, 1 ad Ariano Irpino, 5 ad Atripalda, 8 ad Avella, 12 ad Avellino, 2 a Contrada, 10 a Forino, 3 a Lauro, 1 a Lioni, 2 a Mercogliano, 1 a Montefalcione, 2 a Monteforte Irpino, 1 a Montefusco, 3 a Montemiletto, 3 a Montoro, 6 a Moschiano, 1 a Mugnano del Cardinale, 1 a Nusco, 3 a Pago del Vallo di Lauro, 1 a Quindici, 1 a Santo Stefano del Sole, 5 a Sirignano, 4 a Solofra, 4 a Sperone, 6 a Venticano e 1 a Zungoli. Il direttore generale dell’Azienda Sanitaria chiede maggiore senso di responsabilità.

La situazione è molto preoccupante perché ogni giorno si registrano circa cento positivi. Evidentemente si sta abbassando la guardia“. Queste le parole della direttrice dell’Asl, Maria Morgante, a proposito dei dati della giornata di ieri.

Si rimane increduli nel vedere che le cose non sono cambiate. Non abbiamo imparato niente. Se avessimo imparato qualcosa saremmo stati più attenti. Non stiamo avendo il comportamento giusto. Stiamo facendo tanti sforzi con tamponi e vaccini, ma dobbiamo abbandonare le cattive abitudini per avere risultati”, continua Morgante.

Potrebbe anche interessarti