Sì ai tifosi allo stadio, Franceschini: “Le stesse regole valgano anche per concerti e spettacoli”

Il Governo ha dato il via libera alla riapertura al pubblico dello Stadio Olimpico in occasione degli Europei 2021, scelta che ha spinto il ministro Franceschini a richiedere uguali misure anche per il mondo della cultura e dello spettacolo.

Riapertura Stadio Olimpico, Franceschini: “Lo si faccia anche per concerti e spettacoli”

I tifosi potranno tornare sugli spalti in occasione dei quattro match in programma, a partire dall’11 giugno, seppur al 25% di capienza. Nonostante le limitazioni previste si tratta comunque di un primo passo verso il ritorno alla vita di prima.

Il Ministero della Cultura è intervenuto sulla questione, tramite nota, rivendicando un simile trattamento anche per eventi culturali e di intrattenimento: “In relazione alle notizie di stampa apparse stamattina riguardo ad una differenziazione tra la presenza del pubblico negli eventi sportivi e in quelli culturali, il Ministero della Cultura precisa che sia nell’audizione di lunedì sia nelle proposte inviate ieri al Cts, il ministro Franceschini ha chiesto che, nel caso in cui si dovessero autorizzare eventi sportivi con pubblico, le stesse regole dovrebbero riguardare i concerti e gli spettacoli negli stadi o in spazi analoghi”.

Sulla stessa scia anche Enzo Mazza, CEO di Fimi, Federazione dell’Industria Musicale Italiana, che all’Ansa ha dichiarato: “Se è possibile accedere in uno stadio con 16 mila persone per il calcio deve essere possibile anche per un concerto. Il mondo della cultura non può essere trattato in questo modo”.

Soltanto pochi giorni fa era stato proprio il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, a far leva sulla drammatica situazione dell’intero comparto: “Il settore dello spettacolo è allo stremo, non ce la fa più, per la sua importanza, ma anche per l’economia del Paese, deve essere considerato al pari delle scuole”.

Intanto l’esecutivo è al lavoro sulle prossime riaperture. Dopo i ristoranti, è prevista anche l’apertura di cinema e teatri, subordinata al rispetto di nuove rigide regole. Per aumentare il limite di capienza attualmente previsto, non si esclude la possibilità di poter partecipare a concerti e manifestazioni previa certificazione che attesti l’esito negativo del tampone.

Potrebbe anche interessarti