Ferragosto partenopeo, più di 400.000 turisti in città. Il sindaco: “Grazie Napoli!”

Ferragosto a Napoli

Il Ferragosto partenopeo, per chi è rimasto in città, non è stato affatto deludente o monotono, grazie ad una serie di eventi, quali visite ai musei, escursioni al Vesuvio, cinema all’aperto, passeggiate e concerti, organizzati per dare la possibilità a chi non ha potuto organizzare vacanze fuori porta, di  trascorrere ugualmente giornate all’insegna del relax.

La città di Napoli, per l’occasione, è stata invasa dai turisti: ben 400.000 turisti sono giunti nell’aeroporto di Capodichino. Tutto ciò, naturalmente ha incrementato, presso le strutture ricettive, il numero di prenotazioni di camere in cui pernottare.

Qualche piccolo disagio per quanto riguarda i trasporti: la funicolare di Chiaia è stata chiusa per ristrutturazione e sabato le corse della Linea 1 della metro sono state ridotte, anticipando la chiusura alle ore 23 anziché le 2 di notte. Ma tutto sommato, non ci sono stati grossi problemi.

Soddisfatto il sindaco De Magistris che sulla sua pagina Facebook ha commentato: “Il Ferragosto a Napoli è stato straordinario da tanti punti di vista. Tantissima gente, napoletani, turisti, stranieri. Cultura, bellezze, negozi aperti. Napoli viva, con voglia di vivere. Con ferite sempre aperte ma allegra. Piena di energie. Finalmente una città internazionale. Quanto lavoro dietro tutto questo. Grazie ai napoletani che stanno dimostrando che significa orgoglio partenopeo.
Solo un dato: nelle due settimane centrali di agosto più di 400.000 turisti in transito a Capodichino, +15% di traffico internazionale. Dati ottimi. Le strutture ricettive sono quasi al tutto esaurito. Tutto questo vuol dire anche lavoro, soprattutto per i giovani. Grazie Napoli!

E voi dove avete trascorso il Ferragosto? Siete rimasti in città? Avete partecipato a qualche evento?

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più