‘A Pizza, la canzone napoletana che celebra il piatto più famoso al mondo

‘A Pizza è una canzone napoletana scritta da Alberto Testa con le musiche composte da Giordano Bruno Martelli. Negli anni è stata interpretata da diversi artisti del panorama musicale tra cui Renato Carosone, Aurelio Fierro, Giorgio Gaber, Mauro Nardi, Domenico Modugno e tanti altri. Presentata al 14° Festival della Canzone Napoletana nel 1966 la canzone dedicata al piatto italiano più famoso al mondi si ottenne il secondo posto.

Il testo racconta la storia d’amore di due innamorati. Il testo cita i vari momenti dall’incontro al matrimonio. Precisamente si annovera il fatto che il giorno dell’incontro il protagonista maschile rimane folgorato da cotanta bellezza della dama da volerle donare un brillante di quindici carati e che lui rifiutò perché al diamante preferiva la pizza quella tradizionale con il pomodoro sopra. Voleva solo quello la pizza e nient’altro.

Il testo continua raccontando che un giorno il ragazzo portò la sia fidanzata al ristorante e le offrì un menù a base di pesce, la ragazza ancora una volta fece capire che non voleva il pranzo di pesce ma volava la pizza perché non esisteva cosa più buona per lei che la pizza. In conclusione il testo cita il giorno delle nozze con tanti invitati e che tra balli e canti ad un certo punto arrivò una grandiosa torta nuziale di cinque piani, ma la sposa anche alla torta preferiva la pizza.

È un omaggio ad un piatto unico al mondo che a Napoli è celebrato dai napoletani e dai turisti. Oggi la pizza ha tane varianti, ma sicuramente quella della tradizione con il classico pomodoro resta sempre quella più amata. La più celebre al mondo è la pizza Margherita.

Testo della canzone ‘A Pizza

Io te ‘ncuntraje
na vocca rossa comm’a na cerasa
na pelle prufumata ‘e fronne ‘e rose

io te ‘ncuntraje
volevo offrirti
pagandolo anche a rate
nu brillante
‘e quínnece carate

ma tu vulive ‘a pizza
‘a pizza, ‘a pizza
cu ‘a pummarola ‘ncoppa
cu ‘a pummarola ‘ncoppa

ma tu vulive ‘a pizza
‘a pizza, ‘a pizza
cu ‘a pummarola ‘ncoppa
‘a pizza e niente cchiù

io te purtaje
addó’ ce stanno ‘e meglie risturante
addó’ se mangia mentre ‘o mare canta
io te purtaje
entusiasmato ‘a tutte st’apparate
urdinaje
nu cefalo arrustuto

ma tu vulive ‘a pizza

io te spusaje
‘o vicinato e ‘a folla de pariente
facevano nu sacco ‘e cumplimente
io te spusaje
all’improvviso
tra invite e battimane
arrevaje
na torta ‘e cinche piane

ma tu vulive ‘a pizza

Potrebbe anche interessarti