Zitto chi sape ‘o juoco. Il primo disco dei Thelegati tra blues e rock

thelegati resize

I napoletani Thelegati pubblicano il loro primo disco dopo due anni di gavetta nei locali del vesuviano e la partecipazione a festival importanti ed aperture di prestigio come quella a James Senese, a Lucariello ed Almamegretta.

Il disco si chiama ironicamente Zitto chi sape ‘o juoco e attraverso le sue otto tracce, delinea l’universo sonoro di una band che attinge a piene mani dal florido repertorio del blues contaminato e reinterpretato in napoletano. Piuttosto eterogeneo il songwriting generale nel quale confluiscono influenze diverse che vanno dal blues al rock passando per lo shuffle.

11028471_10204703209073200_1856844625_o

Qualche momento è addirittura irresistibile e particolarmente riuscito come in ‘na nuttata scetato o in ‘o pesce va caro. Citazione speciale per l’intensa Senza paura e l’inaspettata O’ babe, nudo e crudo blues dove la band lascia spazio alla sola chitarra acustica che accompagna la voce solista in un brano dal ritornello davvero divertente.

Produzione di ottimo livello ed una spiccata personalità negli arrangiamenti aggiungono valore ad un disco che esce per l’attivissima etichetta indipendente Full Heads, garanzia di qualità e cura dei dettagli.

La band presenterà il proprio lavoro dal vivo il 27 marzo al Freqency di Pomigliano alle ore 22.00, un’occasione per non perdersi questa nuova ventata di Blues’n’Roll  napoletano.

Per saperne di più, visita la pagina facebook della band.