Video. Rissa al termine del match di pallanuoto: telecronista rimasto gravemente contuso

pallanuotoLo scorso sabato 15 febbraio si è giocata la partita di pallanuoto tra Frosinone e Casalnuovo. Alla fine del match ci sono state aggressioni ai giocatori in acqua e al telecronista che denunciava l’accaduto da parte dei tifosi di casa.

Assurdo ciò che è successo a Frosinone al termine del match di pallanuoto di terza categoria tra i locali della Rari Nantes Frosinone e i napoletani della San Mauro Nuoto di Casalnuovo.

Un gol dei napoletani allo scadere, che ha determinato il pareggio, con annessa esultanza, non è stata vista di buon occhio dai tifosi. L’autore del pareggio ha infatti accennato orecchie di elefante ai danni del pubblico, un gesto non propriamente sportivo ma nulla di grave.

Il pubblico sugli spalti si è però infuriato con il giocatore ed al termine della partita lo ha seguito a bordo vasca. Ai loro tifosi si sono aggiunti anche gli stessi giocatori del Frosinone.

In tutto questo il telecronista cercava di riportare i fatti mentre cercava di riprendere i giocatori coinvolti con la telecamere. Un gesto che serviva per la federazione ma che non è stato apprezzato dai tifosi che si sono sentiti offesi dall’esultanza e dai commenti del giornalista.

Per questo motivo che una donna gli si è avvicinata e gli ha sferrato un pugno. Questo ha causato un trauma cranico facendo terminare la diretta del telecronista.

TAFFERUGLI IN VASCA

LA CULTURA SPORTIVA, QUESTA SCONOSCIUTALa degenerazione del tifo non è solo negli affollatissimi stadi ma anche nei palasport e nelle piscine che ospitano sport cosiddetti minori, dove la cultura sportiva non è di casa.A #Frosinone, al termine del match di pallanuoto di terza categoria tra i locali della Rari Nantes Frosinone e i napoletani della San Mauro Nuoto di #Casalnuovo di sabato 15/2, va in scena il far west.Gol del pareggio degli ospiti a pochi secondi dal termine con esultanza provocatoria che scatena l'ira degli spettatori. Animi che non si placano e parte la scazzottata tra i pallanotisti a bordovasca. Il telecronista Salvatore Selcia, al seguito dei ragazzi di Casalnuovo, prova a documentare le intimidazioni stigmatizzando il comportamento del pubblico ad alta voce e, dopo essere stato apostrofato in quanto napoletano, viene avvicinato da una donna che prova a sottrargli la telecamera nell'intento di occultare le testimonianze filmate. Ne scaturisce una colluttazione che degenera in una drammatica aggressione ai danni del telecronista, colpito con un pugno che lo manda all'ospedale, insieme ad alcuni atleti per accertamenti.Le immagini testimoniano le provocazioni, le reazioni e l'escalation di tensione che sfocia nella vile aggressione a Selcia, con tanto di rottura della telecamera e violento colpo che fa perdere i sensi al telecronista e crea il panico, mentre si attende l’arrivo dei sanitari per la rianimazione. Una vergogna da denunciare senza se e senza ma.

Pubblicato da Angelo Forgione fanpage su Lunedì 17 febbraio 2020

Potrebbe anche interessarti