Cardinale Bertone: “La Chiesa non denuncia preti pedofili per tutelare le vittime”

bertoneIn questo periodo si sta molto parlando della Chiesa e degli scandali all’interno di quest’ultima. La goccia che ha fatto traboccare il vaso in queste ore sono state le dichiarazioni del Cardinale Bertone, il quale ha spiegato perché la Chiesa non denuncia i preti pedofili. Tutto era iniziato quando erano state rese note le linee guida della Cei, dove era stato chiarito che non c’è l’obbligo dei vescovi a denunciare all’autorità giudiziaria i sacerdoti che commettono abusi sessuali sui minori. Questa mancanza naturalmente ha alzato un polverone, e per illustrare le motivazioni della Chiesa è sceso in piazza il Cardinale Bertone spiegando che la Chiesa non denuncia i preti pedofili per tutelare le vittime.

Quei bimbi violentati, se si sapesse chi li ha sodomizzati con violenza potrebbero anche rimanere turbati, quindi per tutelarli i vescovi non denunciano e rispettano la privacy delle vittime. Comportamento che secondo il Cardinale risponde “a quel che i genitori ritengono migliore per il bene dei proprio figli”. Bertone sostiene che per la Chiesa è più importante l’obbligo morale rispetto a quello giuridico, e di conseguenza i vescovi si muovono per il bene delle vittime. In un convegno a Genova, Bertone ha detto: “Quello che è più importante è il rispetto delle vittime e dei loro familiari, che non è detto vogliano presentare denuncia, per ragioni personali. Bisogna essere molto attenti affinché noi sacerdoti, noi vescovi non andiamo a mancare gravemente di rispetto alla privacy, alla discrezione alla riservatezza e anche ai drammi di vittime che non vogliano essere messe in piazza”. Naturalmente questa dichiarazione, che doveva calmare gli animi, li ha sconvolti ancora di più, si parla di moralità in un luogo in cui esistono preti pedofili e scandali finanziari.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più