Bandiere Blu Campania 2016: ecco quali sono le località eccellenti

PARCO NAZIONALE DEL CILENTODopo tanta attesa oggi la Fee Italia, la fondazione no-profit che si occupa dell’assegnazione delle Bandiere Blu, ha annunciato chi si aggiudica il mare più bello d’Italia.

La Campania risulta una delle regioni più decorate come nel 2015: ben quattordici località, come l’anno scorso.

Le località premiate sono: Massa Lubrense, Anacapri (Napoli), Positano in Costiera Amalfitana, Agropoli, Capaccio, Castellabate, Montecorice (con Agnone e Capitello), Pollica (con Acciaroli e Pioppi), Casal Velino, Ascea, Pisciotta, Centola-Palinuro, Vibonati-Villammare, e la new entry San Mauro Cilento (Salerno). Undici località appartengono alla cosiddetta “perla del Cilento”. Escluse quest’anno Camerota, San Giovanni a Piro, Ispani e Santa Marina. È stata esclusa anche Sapri, nonostante fosse quasi certa l’assegnazione, a causa di valori contrastanti in riferimento agli anni 2012, 2013, 2014 e 2015 pubblicati dall’Arpac. Spiega il sindaco Giuseppe Del Medico: “la commissione ha sospeso l’assegnazione per l’anno 2016 in quanto la qualità delle acque di balneazione di due punti di prelievo su cinque, sulla base dei campionamenti degli ultimi quattro anni, è classificata “buona” (nei punti lungomare e Cammarelle) mentre il requisito imperativo richiesto del regolamento FEE 2015/2016 è “eccellente” (nei punti San Giorgio, Capobianco e Cartolano)”.

LEGGI ANCHE
Stop all'estate, allerta meteo in Campania: temporali e raffiche per 24 ore

I primi dati del 2016 fanno ben sperare per l’anno prossimo.

Una nuova grossa soddisfazione per la Campania che risulta la prima regione del centro-sud.

L’assegnazione della Bandiera Blu segue diversi criteri che non riguardano solo la qualità e la pulizia del mare. Altri fattori sono fondamentali come la gestione delle spiagge, quindi la raccolta dei rifiuti, le barriere architettoniche e le limitazioni. Non solo, molto importante è anche l’educazione e l’informazione ambientale. Si considerano nella valutazione anche l’attrezzatura degli stabilimenti balneari, i sistemi di salvataggio, di primo soccorso e l’emergenza.

Si tratta dunque di una valutazione a 360° in cui la Fee non tralascia nulla. Il suo obiettivo, infatti, è quello di un turismo ecosostenibile, sempre proiettato al rispetto dell’ambiente.

LEGGI ANCHE
Ripartono le vie del mare: collegamenti low cost per il Cilento e la Costiera

Le località che ottengono la Bandiera Blu verranno poi controllate durante l’intera stagione estiva.

Grande merito quest’anno alla Costiera Cilentana che risulta ancora una volta una delle più belle d’Italia.

Potrebbe anche interessarti