San Gennaro, ecco il miracolo: ritrovata terza ampolla alla Sanità. Il sangue è liquido

Rione Sanità non fa rima soltanto con camorra e stese. Al Rione Sanità ci sono anche piccoli ma veri e propri tesori, perché anche questo quartiere, come Napoli tutta, pullula di storia e di storie che spesso sono sconosciute o sopraffatte dalla cronaca, che fa molto più notizia.

Al Rione Sanità sorge lo splendido Borgo dei Vergini, un luogo molto caratteristico della città. Qui, nel Complesso Monumentale Vincenziano, è stata ritrovata la terza ampolla con il sangue di San Gennaro, un ritrovamento dal valore inestimabile, anch’esso a metà tra il divino e il mistero.

Si tratterebbe di un cimelio contenente proprio il sangue di San Gennaro, fatto appurato grazie al certificato di autenticità del pontificio. L’ampolla sarebbe stata rinvenuta con il sangue ancora liquido, sempre un ottimo segnale per i napoletani. La reliquia proverrebbe dalla zona del frusinate e sarebbe stata donata ai padri missionari nel 1793.

Una scoperta, quella fatta dall’associazione GettaLaRete, che va a rinforzare ulteriormente il legame tra Napoli e il santo.

Potrebbe anche interessarti