Napoli, baby gang: nasce You Pol per combattere il fenomeno

Ragazzino steso con un pugno da un compagno, è arrivato il Knockout game a Castellammare

Sono tante le misure da attuare per cercare di arginare il fenomeno delle baby gang. Il Comune di Napoli ha quindi deciso di scendere in campo in difesa di tanti giovani proprio con un’iniziativa giovane: un’app che permetterà di interagire in tempo reale con le Forze dell’ordine, dal nome You Pol.

L’app, scaricabile gratuitamente e presto promossa anche nelle scuole, consente l’invio di informazioni e, al momento, anche di fotografie.

È uno strumento adeguato, progettato per canalizzare la voglia di collaborare dei giovani, ma non solo. Mi attendo collaborazione dai genitori perché questa applicazione è rivolta a chiunque voglia dare una mano alle forze di polizia, anche in maniera anonima“. Queste le parole, riportate da La Repubblica, del questore di Napoli, Antonio De Iesu, alla presentazione dell’ app.

Ci rendiamo conto –ha continuato De Iesu– che può esserci diffidenza ma per noi è importante che la segnalazione sia corroborata da immagini, che sono la fonte di investigazione grazie alla quale le indagini possono progredire più rapidamente“.

Infine, un appello per i genitori: “Troveremo il modo, anche con il Comune, per diffondere a tutti questo strumento, ma da loro mi aspetto molto, aiutateci a combattere spaccio, bullismo ma anche gli altri reati, per tutelare i loro figli“.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più