Il San Paolo è un disastro e De Laurentiis s’infuria: salta la firma con il Comune

De Laurentiis

Salta la riunione tra Aurelio De Laurentiis e l’amministrazione comunale. La nuova rottura si è consumata ieri pomeriggio, dopo che il patron del Napoli ha potuto osservare le condizioni in cui versa lo stadio San Paolo. Nell’impianto di Fuorigrotta sono aperti i cantieri per le Universiadi 2019. Il presidente del Napoli avrebbe criticato duramente le condizioni dello stadio.

De Laurentiis, dopo aver visionato lo stato attuale della pista d’atletica, è andato via senza firmare col Comune la convenzione relativa alla stagione 2015/2016, in vista della sottoscrizione di una nuova convenzione su base quinquennale. La prima partita che il Napoli disputerà al San Paolo è quella col Milan del 25 agosto. De Laurentiis teme che lo stadio non possa essere pronto per quella data, da qui l’irritazione.

LEGGI ANCHE
Video. Napoli elogiata da una TV francese con Decibel Bellini

Il Comune però non ci sta e precisa: “I lavori – spiega Attilio Auricchio, capo di gabinetto del sindaco – permetteranno tranquillamente lo svolgimento delle partite sin dal debutto in campionato previsto al San Paolo contro il Milan. In tutti gli stadi del mondo ci sono le ristrutturazioni e si gioca normalmente. Il manto erboso e il terreno di gioco non sono per niente interessati a questi interventi, quindi non c’è alcun tipo di problema. Se il Napoli vuole giocare al San Paolo sabato 25 farà la domanda e lo stadio sarà pronto“.

Potrebbe anche interessarti