Obesità: quando il cibo diventa una malattia mondiale

Il cibo è da sempre uno dei piaceri della vita. Mangiamo quando si festeggia un evento, per nutrirci, per sfogare le nostre emozioni. Spesso però il cibo diventa una vera e propria ossessione, tanto da rappresentare una dipendenza.  Connesso all’eccessivo consumo di cibo è l’aumento dell’obesità. Una vera e propria sindrome in aumento in tutto il mondo, specialmente nei paesi occidentali.

Facendo un passo indietro, l’obesità mondiale è quasi triplicata a partire dal 1975. Gli ultimi dati ricevuti ed analizzati risalgono al 2016 ed il quadro è abbastanza grave.  Nel 2016 circa 1,9 miliardi di persone adulte oscillavano tra il sovrappeso e l’obesità.  Di questi il 39 percento era in sovrappeso, il 13 percento era obeso. Ma Nemmeno i bambini sembrano salvarsi, 41 milioni di essi sotto i 5 anni nel 2016 erano o in sovrappeso o obesi.

Ma cosa significa davvero obesità?

L’obesità ed il sovrappeso sono definiti come un accumulo di grasso eccessivo che può compromettere la salute. L’indice che permette di capire se un soggetto si trova nelle condizioni suddette è il BMI (indice di massa corporea). Usando come dati l’altezza ed il peso questo indice è in grado di capire se il nostro corpo è in normopeso o se soffre di una condizione di sovrappeso o addirittura di obesità.

Esso è utilizzato molto per studi epidemiologici basati sulle popolazioni, per fare previsioni e per fare il punto della situazione nel presente e confrontare i dati recenti con quelli del passato per capire se ci sono state variazioni. Purtroppo in senso negativo ci sono state variazioni estreme. Dal dopoguerra ad oggi sembra che la popolazione mondiale faccia un uso sconsiderato del cibo. A rimetterci non sembra essere solo la salute umana ma anche l’intero pianeta, poichè “mangiare troppo” non è ecologico.

Perchè si diventa obesi?

Conducendo un cattivo stile di vita! Per cattivo stile di vita s’intende mangiare cibi ricchi di grassi cattivi, di carboidrati e zuccheri raffinati. Connesso con l’alto contenuto di cibi poco salutari si aggiunge la scarsa volontà di fare attività fisica. L’umanità si muove decisamente poco! Eppure basterebbe fare una moderata attività fisica per soli 30 minuti al giorno! Correlato a questo stile malsano di vita sono tutta una serie di malattie.

In pratica chi è in sovrappeso o obeso contribuisce all’insorgenza di malattie cronico degenerative. Chi è obeso o in sovrappeso può sviluppare: problemi cardiocircolatori, tumori, sviluppo di infiammazioni ed è più propenso all’insorgenza di demenza e depressioni. Gli alimenti che assumiamo quotidianamente influiscono anche sul nostro DNA.

Esiste una scienza che si occupa proprio di questo ed è chiamata nutrigenomica. Studia come le sostanze alimentari influenzano il nostro patrimonio genetico. Ad esempio se assumiamo grandi quantità di zuccheri vengono attivati dei segmenti genetici, se invece ingeriamo grandi quantità di verdure vengono attivati altri tipi di geni. I geni attivati inducono il nostro corpo a svolgere determinate funzioni.

Il consumo di grandi quantità di zuccheri è decisamente dannoso per il DNA e per l’insorgenza di malattie come il diabete mellito. Sfortunatamente la popolazione mondiale consuma molto zucchero che viene assunto tramite cioccolato, bibite, gelati e cibi simili.

Combattere l’obesità non è facile ma possibile!

Il segreto per combattere il sovrappeso e l’obesità è consumare molta frutta e verdura, ma senza rinunciare a carboidrati e proteine! Erroneamente molte persone eliminano completamente i carboidrati, ignorando la loro estrema importanza, il segreto è ridurne le quantità. Studi scientifici inoltre dimostrano che un gran consumo di vegetali a basso contenuto di fruttosio combatte e previene i disturbi cardiaci, il sistema immunitario si rafforza e rallenta l’osteoporosi.

Cambiando semplicemente tipologia di cibo i benefici della buona alimentazione si vedono da subito. Condurre uno stile di vita sano salva letteralmente la vita e sconfigge le condizioni di obesità e sovrappeso. Il primo passo per condurre uno stile di vita migliore è quello di mangiare bene e fare regolarmente attività fisica.

FONTI

World Health Organization

“I buoni geni non sono un caso” di Michaela Doll

Potrebbe anche interessarti

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy