Miss Trans Europa 2019 a Napoli: due serate di divertimento e riflessione

miss trans europa
Foto di Sara Finizio FB Page

Tutto pronto per la nuova edizione di Miss Trans Europa 2019 che si terrà alla Mostra d’Oltremare a Napoli il 13 e il 14 luglio 2019. Il concorso di bellezza e portamento è ideato e organizzato da Stefania Zambrano, che da anni si batte per i diritti di gay, lesbiche, trans, queer e gender non conforming, in collaborazione con Luigi Papacciuoli.

Si prospettano due serate di divertimento e allegria ma sarà anche un momento per discutere e riflettere sui diritti del mondo LGBT. Saranno 20 le concorrenti un gara provenienti da tutta Italia e da qualche paese europeo che si scontreranno a colpi di grazia, sensualità, fascino ma anche ironia per conquistare lo scettro di trans più bella d’Europa.

La manifestazione sarà presentata da Sofia La Papessa, che sarà coadiuvata da Tilde Mendes, e vedrà come ospiti il cantante Ciro Muoio, Arianna Maravolo, Miss Campania 2018, l’opinionista Carmine Ruggiero, Sara Finizio, vincitrice dell’edizione 2018, Anna Brancati, attrice di Gomorra e agguerrita opinionista, il giornalista Antonio D’Addio, l’avvocato Ileana Capurro, presidente di Atn (Associazione Transessuale di Napoli), e Marzia Mauriello, docente di Antropologia Medica. La madrina dell’intera kermesse sarà la mitica Tarantina, l’ultimo ‘femminiello’ di Napoli, come ama definirsi, mentre il 13 ci sarà la bella musica neomelodica di Stefania Lay e il 14 la comicità di Rosalia Porcaro. Ospite d’onore Angelo Sanzio, il Ken italiano.

“Sono contenta e soddisfatta di questa mia creatura, che è anche un’occasione per parlare dei nostri diritti, dell’omofobia e trans fobia, del bullismo e delle cattiverie che sono ritornati nei nostri confronti, quest’anno parleremo anche della Chiesa, dei sacerdoti e delle loro ipocrisie, auguro una vita serena per noi che abbiamo già tanto sofferto!”, ha dichiarato Stefania Zambrano, organizzatrice, da sempre attiva a favore del mondo LGBT, attrice cinematografica e teatrale, protagonista di un documentario realizzato da Michele Santoro.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più