Napoli: pubblicità sessista di una marca di lubrificanti. “Immagini indecenti”

In pieno centro a Napoli, sono spuntati dei cartelloni pubblicitari abbastanza dissimili da quelli che siamo abituati a vedere. Per sponsorizzare i propri lubrificanti infatti, una nota ditta del settore ha deciso di tappezzare Napoli di manifesti pubblicitari sessisti, ritraenti delle signorine poco vestite.

Subito è partita la denuncia del mondo politico-istituzionale. “Negli ultimi giorni, nel Napoletano, sono apparsi manifesti pubblicitari di pessimo gusto. E’ stata utilizzata l’immagine di una donna in pose provocanti per pubblicizzare una nota marca di lubrificanti. Un messaggio sessista che non può far altro che suscitare in noi un grande sdegno”. Così fa sapere  Fiorella Zabatta, coordinatrice delle donne Verdi.

“In un periodo storico come questo – sottolinea Zabatta – dove si sta portando avanti una battaglia serrata contro le discriminazioni di genere e contro la violenza sulle donne, una simile campagna pubblicitaria getta alle ortiche tutto il lavoro fatto fino ad ora. Queste immagini sono indecenti e diseducative per tutta la società. Ci auguriamo che l’azienda capisca l’errore e provveda al più presto a rimuovere i tabelloni”.

Purtroppo la nostra società è ancora lontana dal compiere quella rivoluzione culturale e mentale di cui avremmo tutti bisogno. Vedere oggi una pubblicità simile fa male non solo alle donne, ma anche a quegli uomini che lottano ogni giorno per la parità di genere – dichiara invece Il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio BorrelliChi realizza una pubblicità come questa deve capire la sua potenza mediatica e il messaggio negativo che può diffondere. La tutela delle donne, la parità di genere, deve essere una priorità non solo per le istituzioni, ma per ogni categoria della nostra società. Sosteniamo l’appello delle donne Verdi sperando che quei tabelloni sessisti vengano rimossi al più presto”.

Anche il tema dell’uso del corpo della donna e del sessismo nell’ambito del marketing-pubblicitario è un tema importante. Le discriminazioni avvengono anche a questi livelli. 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più