MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Riapre il San Carlo: concerti all’aperto a Piazza del Plebiscito

san carlo piazza plebiscitoIl Teatro San Carlo riaprirà a Piazza del Plebiscito. Lo storico teatro partenopeo ha annunciato la riapertura delle sue porte al pubblico, ma stavolta uscendo dalla sua sontuosa sede. Dopo un lungo periodo di chiusura, a causa delle normative anti-covid, oggi la direzione è stata molto contenta di annunciare che il Teatro San Carlo riaprirà in Piazza Del Plebiscito.

A spalancare il sipario dopo il periodo di stop ci sarà un progetto in collaborazione con la Regione Campania, nonché con l’Università di Napoli Federico II: Regione Lirica. “Sono felice di presentare la seconda edizione della Regione Lirica. Questa sarà un’edizione più ambiziosa dello scorso anno, data la situazione pandemica” dichiara nella conferenza stampa Stéphane Lissner, sovrintendente del Teatro e aggiunge: “Ringrazio il Rettore dell’ateneo federiciano per il sostegno, poiché il nostro percorso con i ragazzi dell’università, attraverso numerosi progetti,  è stato per la fondazione del Teatro San Carlo un momento molto significativo, avvenuto in periodo altrettanto rilevante”.

Ma ancora prosegue: “In questo periodo i teatri sono chiusi e la nostra missione è finalizzata al ripristino di una socialità persa. Le difficoltà pandemiche stanno abbracciando tutto il mondo, non solo quello della cultura, perciò con la Regione e l’Università abbiamo voluto creare un’iniziativa finalizzata a edificare relazioni tra cittadini, che ad oggi è ciò che più manca”.

Il progetto Regione Lirica avrà luogo in Piazza del Plebiscito dal 25 giugno al 17 luglio, consentendo alla popolazione di prendere parte in piena sicurezza a un’attività che oramai la pandemia aveva negato. Gli spettacoli regaleranno al pubblico l’esibizione delle compagnie artistiche del Lirico di Napoli, Orchestra, Coro e Corpo di Ballo, oltre a grandi nomi del calibro di: Elina Garanca, Anna Netrebko, Yusif Eyvazov, Anita Rachvelishvili, Luca Salsi e i direttori Dan Ettinger, Marco Armiliato e Juraj Valcuha.

Potrebbe anche interessarti