E’ morta Milva, la cantante che amava Napoli: dedicò un intero album alla città

E’ morta Milva: lo conferma all’Ansa la figlia, Martina Corgnati. La cantante si è spenta ieri a Milano, dopo una lunga malattia.

Ilvia Maria Biolcati, in arte “Milva”, aveva 81 anni e viveva a Milano con la segretaria Edith e la figlia Martina, critica d’arte.

Il cordoglio del Ministro Franceschini

Milva – dice Dario Franceschini, Ministro della Cultura – è stata una delle interpreti più intense della canzone italiana. La sua voce ha suscitato profonde emozioni in intere generazioni. Una grande italiana, un’artista che, partita dalla sua amata terra, ha calcato i palcoscenici internazionali, rendendo globale il suo successo e portando alto il nome del suo Paese. Addio alla pantera di Goro“.

L’amore di Milva per Napoli e un disco

La cantante “rossa” aveva una passione smisurata per Napoli. Nel 1997 pubblicò un intero album con le più famose melodie partenopee: “Mia bella Napoli”.

LE TRACCE

  1. Guapparia
  2. Serenata a Surriento
  3. ‘O paese d’ ò sole
  4. Fenesta vascia
  5. Tarantelluccia
  6. Marechiare
  7. Te voglio bene assaje
  8. Canzona appassiunata
  9. Funiculì Funiculà
  10. Torna
  11. Santa Lucia luntana
  12. Lacreme napulitane
  13. Chiove
  14. Torna a Surriento
  15. ‘A serenata ‘e Pulecenella
  16. ‘O Sole Mio

Nel 1961 aveva partecipato al Giugno napoletano con il brano Mare verde, scritto per lei da Giuseppe Marotta e Salvatore Mazzocco, con il quale si classificò seconda (vinse anche il primo premio con il brano Credere), ed aveva inciso anche il brano Canzone appassiunata.