Da Venezia a Napoli, il caffè candidato come Patrimonio Unesco. De Luca: “Almeno su questo l’Italia è compatta”

caffè unescoIl caffè espresso italiano è stato candidato come patrimonio immateriale dell’Umanità dell’Unesco. Al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali si è discusso del dossier dal titolo “Il caffè espresso italiano tra cultura, rito, socialità e letteratura nelle comunità emblematiche da Venezia a Napoli“.

DA VENEZIA A NAPOLI, IL CAFFÈ CANDIDATO UNESCO

La candidatura unica unisce infatti le due precedenti fatte da Venezia a Napoli e valorizza il rito e l’Arte del Caffè Espresso Italiano, promosso dal Consorzio di tutela del caffè espresso italiano tradizionale e La cultura del Caffè Napoletano tra Rito e Socialità proposto dalla Comunità emblematica napoletana con il supporto della Regione Campania. Orgoglio per questa scelta è espressa dal governatore della Campania Vincenzo De Luca che in un post su Facebook scrive:

Oggi a Roma, insieme al Ministro per le Politiche agricole, alimentari e forestali Stefano Patuanelli, al Sottosegretario Gian Marco Centinaio e al Presidente del Consorzio di tutela del caffè espresso italiano tradizionale Giorgio Caballini di Sassoferrato, abbiamo presentato la candidatura Unesco de “Il caffè espresso italiano fra cultura, socialità, rito e letteratura nelle comunità emblematiche da Venezia a Napoli”. Un’iniziativa molto importante perché va a completare un trittico di eccellenze campane riconosciute a livello mondiale, dopo l’iscrizione nella lista del Patrimonio culturale immateriale dell’umanità della Dieta mediterranea e dell’arte dei pizzaiuoli napoletani. Ma ancor più significativa perché unitaria: almeno sul caffè l’Italia si ritrova compatta da Nord a Sud senza distinguo. L’augurio è che questa spinta all’unità possa essere di buon auspicio anche a livello internazionale in un periodo purtroppo contrassegnato da divisioni, paure, guerre e sofferenze“.

LE PAROLE DEL MINISTRO PATUANELLI

Il Ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli ha spiegato:

Questa candidatura nasce da un percorso virtuoso, che in qualche modo dimostra come è possibile superare le differenze: due candidature diverse che si uniscono per arrivare a meta, per il riconoscimento del valore del caffè espresso italiano come patrimonio immateriale dell’Unesco. Di fatto riconosciamo il valore della tazzina di caffè a tutte le latitudini del nostro Paese. E’ uno di quei momenti importanti per l’Italia perché riusciamo a far capire quali sono le nostre eccellenze e proporle alle comunità internazionali con serietà e credibilità forse come nessun altro“.

Come reso noto dal Ministero, il 26 marzo, giornata nazionale del “Rito del caffè espresso italiano” partirà la sottoscrizione pubblica per sostenere la candidatura Unesco.

Potrebbe anche interessarti