Ex OPG: in arrivo il nuovo ecografo grazie alla raccolta fondi. Ora si punta ad un defibrillatore

EX OPGNapoli– L‘Ex OPG ha raggiunto il traguardo. Grazie ad una raccolta fondi il collettivo Je so’ pazzo è riuscito ad acquistare un ecografo portatile che sarà messo al servizio della comunità.

La raccolta fondi iniziò lo scorso dicembre ed è in vigore ancora fino al 2 febbraio 2020. Lo scopo è stato raggiunto, il tetto di 15 mila euro serviva proprio per l’acquisto di tale macchinario, ma la campagna non finirà in anticipo.

L’Ex OPG vuole provare a portare nella propria struttura anche un defibrillatore. Ci sono ancora 10 giorni a disposizione per raggiungere questo secondo, e inaspettato obiettivo da regalare ai napoletani. Si tratta di un ulteriore macchinario che sarà a disposizione gratuitamente.

Ieri sera il collettivo ci ha tenuto molto a ringraziare tutte le persone che hanno contribuito a questo acquisto, tramite un post su Facebook. Inoltre hanno lanciato una nuova iniziativa, ovvero quella del Corso di Primo Soccorso. Queste le parole dei ragazzi: “Vorremmo avere la possibilità di poter regalare un Defibrillatore al nostro quartiere, perché, lo sappiamo bene, e lo sapete bene anche voi, ‘a salute è ‘a primma cosa!

“Da qui all’estate organizzeremo dei Corsi di Primo Soccorso per la nostra comunità e per chiunque voglia aggiungersi a noi. Perché laddove non arrivano le nostre istituzioni, vogliamo essere noi, da soli, dal basso a darci gli strumenti per poter sopravvivere anche alle eventualità più nere. Dimostrando che basta davvero poco per prenderci cura gli uni degli altri. Dunque tutto questo può e deve essere realtà in ogni angolo della città!
Davanti a chi spreca soldi per mettere le telecamere sulle autoambulanze e militarizza sempre più i nostri ospedali noi vogliamo dimostrare che esiste un altro tipo di sicurezza, l’unica efficace: quella della cura della salute collettiva, della condivisione di saperi, della ricostruzione di una comunità solidale e non più ostile.”

Potrebbe anche interessarti