San Giorgio cancella i Savoia, piazza intitolata a Carlo di Borbone: la data della cerimonia

Un evento simbolico ma che potrebbe avere una portata storica enorme. Sabato 13 aprile, Piazza Vittorio Emanuele II di San Giorgio a Cremano cambierà ufficialmente nome e diventerà piazza Carlo di Borbone. Il racconto del Risorgimento e dei suoi presunti eroi cessa in tal modo di essere un tabù e si inizia a ristabilire la verità storica, non solo nei libri e negli articoli di giornale più recenti, ma anche nella toponomastica.

Può sembrare un’inezia, però non lo è affatto. Anzi, chi la considera tale non è altro che miope. Non è un caso, infatti, che all’indomani dell’Unità d’Italia sia stato imposto, in tutto il Mezzogiorno e non solo, il cambio di denominazione di strade e piazze in onore dei vari Vittorio Emanuele, Cavour, Garibaldi e via dicendo. Un’opera di sostituzione che ha cancellato la memoria storica riconducibile a quei luoghi.

Non a caso in una circolare firmata dal sindaco Giorgio Zinno e dall’Assessore alla Cultura Pietro De Martino si legge: “Questa Amministrazione ha deciso di dedicarla a Carlo di Borbone, sovrano illuminato e autore di opere architettoniche e artistiche di grande pregio che sono state da impulso alla realizzazione del patrimonio storico denominato Miglio d’Oro.

Tra le righe, insomma, si legge la volontà di omaggiare un personaggio che ha creato la bellezza che ancora oggi si può ammirare in questo territorio, al posto di un altro che forse non c’è mai stato e mai si è interessato alle sue sorti. Dopo quasi 160 anni è, insomma, un atto non solo dovuto ma di onestà. È da notare inoltre come ci si riferisca al sovrano come Carlo (di Napoli) e non a Carlo III (di Spagna), come avviene di solito.

La cerimonia, come detto, si terrà sabato 13 Aprile 2019 a partire dalle ore 10:00. Interverranno autorità civili e militari, dirigenti scolastici e studenti degli istituti scolastici cittadini.

Potrebbe anche interessarti