Napoli, adesca ragazzine in chat: condannato a 10 mesi giudice onorario dei minori

condannato giudice minori
Immagine di repertorio

Ci sono voluti anni ma alla fine giustizia è stata fatta. È stato infatti condannato a 1o mesi e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici un giudice onorario del Tribunale dei minori di Napoli reo di contattare e adescare ragazzine sui principali social network. Una condotta che era stata denunciata dall’associazione ‘La Caramella Buona’, da sempre impegnata nella lotta alla pedofilia, e che ha trovato conferme nella sentenza emessa dal tribunale monocratico di Roma dove il procedimento è giunto per competenza territoriale.

ADESCA BAMBINE IN CHAT, CONDANNATO GIUDICE ONORARIO DEI MINORI

Come reso noto dalle agenzie di stampa

Il giudice nel 2016-2017 avrebbe contattato da un account fittizio le minori con una media di 9 contatti al giorno per un totale di quasi ventimila messaggi, con cui l’uomo avviava conversazioni con bambine utilizzando espressioni sessualmente esplicite“.

Per questo comportamento è stato condannato. Soddisfazione è espressa da Roberto Mirabile, presidente de La Caramella Buona Onlus:

Quando siamo venuti a conoscenza di tale condotta abbiamo valutato approfonditamente quanto in nostro possesso e abbiamo deciso di costituirci parte civile al processo perché combattiamo la pedofilia da 25 anni e lo facciamo con ancora più forza quando a macchiarsi di questo reato sia un soggetto che dovrebbe proteggere i bambini e non importunarli. Grazie al lavoro del nostro avvocato Monica Nassisi siamo riusciti a confermare con forza il quadro accusatorio e il giudice ha condannato l’imputato nonostante il Pubblico Ministero ne avesse richiesto l’assoluzione“.

LE PAROLE DELL’AVVOCATO

L’avvocato ha poi spiegato:

È una grandissima soddisfazione perché ci sono voluti anni di indagine, perché inizialmente questo procedimento doveva essere archiviato. Oggi il pm ha chiesto addirittura l’assoluzione e poi abbiamo discusso, fatto riferimento alla documentazione ed è arrivata la condanna per un giudice onorario, un uomo in continuo contatto con i minori. È importante l’interdizione perpetua per i pubblici uffici per tutto ciò inerente con i minori. Quando le vittime sono i minori è la società che perde“.

Potrebbe anche interessarti