Da Totò ad Eduardo, le più belle poesie d’amore in napoletano

L’amore è il sentimento più celebrato nelle canzoni e nelle poesie di tutto il mondo. In ogni angolo del pianeta e in tutte le epoche l’uomo ha voluto esprimere la propria devozione verso la persona amata con varie forme d’arte.

Ma non bisogna negare che a Napoli tutto ha un sapore diverso. Complici, forse, i bellissimi panorami e gli angoli suggestivi che la rendono una delle città più romantiche del globo. E’ qui che numerosi artisti hanno dato sfogo alla propria vena compositiva, dalle canzoni classiche napoletane veri e propri capolavori da tramandare alla future generazioni, alle poesie nate per omaggiare le proprie amate.

E il pensiero corre subito al grande Totò, famoso in tutto il mondo per la sua comicità ma non da meno per le sue poesie d’amore. La sua canzone più famosa è certamente “Malafemmena” ma non possiamo dimenticare che fu autore di un libro dal titolo “Dedicate all’amore” pubblicato nel decennale della sua morte da Franca Faldini e che raccoglieva una buona parte delle poesie che Totò aveva dedicato alla compagna. Anche Eduardo de Filippo scrisse molte poesie, alcune delle quali dedicate proprio al più nobile dei sentimenti e infine Salvatore di Giacomo che alla sua Nannina dedicò una poesia, senza dimenticare le bellissime canzoni “Era de Maggio” e “Marechiaro“.

Qui elenchiamo solo alcune delle poesie d’amore più belle scritte in napoletano:

Core analfabeta (Totò)
Stu core analfabbeta
tu ll’he purtato a scola,
e s’è mparato a scrivere,
e s’è mparato a lleggere
sultanto na parola:
“Ammore” e niente cchiù.

Uocchie ca me parlate (Totò)
Chist’uocchie tuoie che cagneno
culore ogne mumento,
sò belle quanno chiagneno,
sò tutto sentimento.
Si rideno s’appicciano
comme a ddoie fiamme ardente,
songo stelle lucente
ca tiene ‘nfronte tu.

A Franca (Totò)
Ammore, ammore mio,
chist’uocchie tuoie songo ddoje feneste
aperte, spalancate ‘ncopp’ ‘o mare;
m’affaccio e veco tutte ‘e ccose care
‘nfunn’a stu mare, verde comme l’uocchie tuoie:
e veco ‘o bbene, ‘o sentimento, ammore,
e assaje cchiù’nfunno ancora
io veco chello ca tu he dato a mme… ‘o core.

A cchiù bella (Totò)
Tu si ‘a cchiù bella cosa
ca tene stu paese,
tu si comm’ a na rosa,
rosa… rosa maggese.
Sti ccarne profumate
me metteno int’ ‘o core
comme fosse l’essenza,
l’essenza ‘e chist’ammore.

L’acquaiola (Totò)
Ogni matina scengo a Margellina,
me guardo ‘o mare, ‘e vvarche e na figliola
ca stà dint’a nu chiosco: è n’acquaiola.
Se chiamma Teresina,
si e no tene vint’anne,
capille curte nire nire e riccie,
na dentatura janca comm’ ‘a neve,
ncuollo tene ‘a salute ‘e na nutriccia
e na guardata d’uocchie
ca songo ddoje saette,
sò fulmine, sò lampe, songo tuone!
E i’ giuro e ce scummetto
ca si resuscitasse Pappagone,
muresse cu n’ ‘nfarto
guardanno sta guagliona.
Essa ha capito ca i’ sò nu cliente
ca ‘e ll’acqua nun me ne ‘mporta proprio niente
e me l’ha ditto cu bella maniera:
“Signò, cagnate strada… cu mme sta poco ‘a fà
se chiamma Geretiello… è piscatore.
Fatica dint’ ‘a paranza ‘e don Aniello”.
Ma i’ niente, tuosto corro ogni matína,
me vevo ll’acqua…
e me ‘mbriaco comme fosse vino.

Si t”o sapesse dicere (Eduardo de Filippo)
Ah… si putesse dicere
chello c’ ‘o core dice;
quanto sarria felice
si t’ ‘o sapesse dì!
E si putisse sèntere
chello c’ ‘o core sente,
dicisse: “Eternamente
voglio restà cu te!”
Ma ‘o core sape scrivere?
‘O core è analfabeta,
è comm’a nu pùeta
ca nun sape cantà.
Se mbroglia… sposta ‘e vvirgule…
nu punto ammirativo…
mette nu congiuntivo
addò nun nce ‘adda stà…
E tu c’ ‘o staje a ssèntere
te mbruoglie appriess’ a isso,
comme succede spisso…
E addio Felicità!

L’ammore ched’è? (Eduardo de Filippo)
“Scusa, tu sapisse
l’ammore ched’è?”
“L’ammore è una cosa
che odora di rosa,
che rosa non è
induvina ched’è.”
“E’ rosa? E scusa
sapisse pecché?”
“E’ rosa ‘o colore
che serve p’ammore,
l’ammore nun c’è
si rosa nun è.”
“E l’addore che c’entra
si rosa nun è?”
“Pecché dinto maggio
si piglia curaggio,
sentendo l’addore
ti nasce l’ammore.”
“A maggio sultanto?
E sapisse pecché?”
“E’ maggio pe n’anno
pe chilli che ‘o ssanno,
pe chi nun vo’ bene
stu mese nun vene!”
“E senza l’addore
l’ammore nun c’è?”
“Nun c’è,
pecché l’ammore
è nu forte dolore,
ca pare ‘na cosa
che odora di rosa.”

Nannina (Salvatore di Giacomo)

Uocchie de suonno, nire, appassiunate,
ca de lu mmele la ducezza avite,
pecché, cu sti gguardate ca facite,
vuje nu vrasiero mpietto m’appicciate?
Ve manca la parola e mme parlate,
pare ca senza lacreme chiagnite,
de sta faccella janca anema site,
uocchie belle, uocchie doce, uocchie affatate!
Vuje, ca nziemme a li sciure v’arapite
e nzieme cu li sciure ve nzerrate,
sciure de passione mme parite.
Vuje, sentimento de li nnamurate,
mm’avite fatto male e lu sapite,
uocchie de suonno, nire, appassiunate.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più