Taurasi, andiamo alla scoperta di questo vino campano

La Campania è una regione dalla forte tradizione enologica, e uno dei suoi vini più apprezzati è senz’altro il Taurasi.

Immancabile nelle sezioni dedicate ai vini campani dei più noti e-commerce di vino come vinopuro.com, Taurasi è un vino conosciuto ed apprezzato in tutta Italia, come anche all’estero.

Taurasi, raffinato prodotto del vitigno Aglianico

Se si parla del vino Taurasi è indispensabile partire dal vitigno da cui nasce, ovvero il celebre Aglianico.

Aglianico è un vitigno a bacca rossa tipico del Sud Italia, contraddistinto da una ricca produttività e da un acido medio-piccolo dalla forma sferica.

Esempi di tale vitigno si possono individuare in diverse regioni, meridionali quali la Puglia, il Molise e la Basilicata, ma la Campania è sicuramente la terra più rappresentativa; in particolar modo, il vitigno Aglianico figura in grandi quantità nella zona dell’Irpinia.

Nascendo dal vitigno Aglianico rigorosamente al 100%, si tratta dunque di un’espressione davvero fedele della produzione enologica campana, Taurasi non potrebbe che essere un vino rosso e ha un sapore molto intenso.

Cosa prevede la produzione del Taurasi

Nella produzione del Taurasi, la coltura delle uve viene effettuata rigorosamente a mano, di norma nel mese di ottobre; non manca una fase in cui figura una lunga macerazione delle bucce, mentre l’affinamento finale, anch’esso piuttosto lungo, durando all’incirca 24 mesi, avviene all’interno di fusti in rovere.

Questa, tuttavia, non è la sola fase di maturazione che viene prevista dalle cantine che producono Taurasi: pressoché in tutti i casi, infatti, è prevista un’altra fase di “riposo” piuttosto corposa, anch’essa della durata di circa 24 mesi, che avviene in vetro, dunque con vino imbottigliato.

Come va gustato il vino Taurasi

Vino strutturato e corposo, con intense note fruttate, il Taurasi si beve preferibilmente in dei calici ampi, in quanto questi bicchieri consentono alla bevanda di “aprirsi” tramite un efficace processo di ossigenazione, sprigionando al meglio i suoi profumi e stimolando così le sensazioni organolettiche di chi la gusta.

Se ci si chiede con quali piatti sia ideale gustare il Taurasi, non ci sono dubbi: questo vino campano è perfetto per i secondi piatti, in particolar modo per quelli di carne.

In Campania, come anche in altre regioni del Sud, è tradizione che questo vino sia associato ad arrosti, grigliate e selvaggina.

I prezzi del vino Taurasi

I prezzi del vino Taurasi possono variare in maniera importante da etichetta ad etichetta.

Di base, il Taurasi può essere definito un vino che viaggia su un livello medio dal punto di vista economico, è infatti possibile acquistare un’ottima bottiglia di Taurasi spendendo 25 o 30 euro, ma non mancano delle varianti particolarmente pregiate e ricercate.

Segui Vesuviolive.it su: