La “Canzone di Giacca” un genere musicale scomparso. Il brano “Guapparia”

Roberto Murolo insieme a Totò

La “Canzone di giacca” è un vero e proprio fenomeno di costume. Le caratteristiche musicali non sono particolarmente rilevanti, la melodia è più incalzante di quella di altri generi. La struttura ritmica è quella della serenata spagnola o del tango. Le canzoni venivano denominate in questo modo perché i cantanti specializzati in questo repertorio erano vestiti sempre con giacca, cravatta, cappello e tutto quello che proponeva la moda maschile dell’epoca. Il cantante doveva impersonare una figura che al vestiario teneva moltissimo: il guappo.

Lo status di guappo non era certo ereditario, si raggiungeva con un percorso fatto di rischi, sangue, obbedienza e di totale annullamento di sé in vista dei fini di quella che allora si chiamava “onorata società”. Una volta raggiunta questa posizione, andava ostentata attraverso una serie di simboli di potere e benessere, tra i quali l’eleganza nel vestire che era al primo posto perché percepibile da tutti.

Il guappo agiva anche insieme ad altri e quindi era soggetto a gerarchia. Nella sua zona di residenza era considerato un re assoluto, dispensava grazie o punizioni, padrone della vita e della morte. Al guappo veniva chiesto di essere uomo tutto di un pezzo, senza cedimenti; poteva anche fare del bene, ma in nome della giustizia e non del sentimento. Il guappo era punto di riferimento degli abitanti del quartiere.

Questo genere musicale  è stato quello più bistrattato, ciò dovuto al fatto che le canzoni che rientravano in questo genere venivano chiamate anche “Canzoni di Malavita”.

Una delle più celebri “Canzoni di Giacca” èGuapparia“, brano in lingua napoletana scritta nel 1914 da Libero Bovio, le musiche che accompagnano il testo sono di Rodolfo Falvo. È un classico brano della canzone napoletana. Parla di un guappo che per amore della sua donna (Margherita), ha perso il suo onore di uomo malavitoso. È formata da tre strofe, formate a loro volta da due quartine e un verso singolo.

Tanti gli artisti che hanno cantato il celebre brano: Mario Abbate, Sergio Bruni, Franco Califano, Renato Carosone, José Carreras, Franco Corelli, Mario Da Vinci, Sal da Vinci, Mario Del Monaco, Milva, Peppino Di Capri, Giuseppe Di Stefano, Gabriella Ferri, Aurelio Fierro, Nunzio Gallo, Mario Merola, Mina, Roberto Murolo, Eddy Napoli, Massimo Ranieri, Giacomo Rondinella, Lina Sastri, Tito Schipa, Bobby Solo, Gabriele Vanorio, Bruno Venturini, Claudio Villa, Luciano Virgili.

Nel 1984 “Guapparia” diventa un film diretto da Stelvio Massi, con protagonisti Mario Merola e Ida Di Benedetto. Questo è l’ultimo film interpretato da Mario Merola come protagonista.

Il testo di Guapparia:

Scetateve, guagliune ‘e malavita,
Ca è ‘ntussecosa assaje ‘sta serenata!
Io songo ‘o ‘nnammurato ‘e Margarita
Ch’è ‘a femmena cchiù bella d’ ‘a ‘Nfrascata.
Ll’aggio purtato ‘o capo cuncertino
P’ ‘o sfizio ‘e mme fà sentere ‘e cantà.
Mm’aggio bevuto ‘nu bicchiere ‘e vino
Pecché stanotte ‘a voglio ‘ntussecà.
Scetateve, guagliune ‘e malavita!
È accumparuta ‘a luna a ll’intrasatto
Pe’ lle dà ‘o sfizio ‘e mme vedè distrutto.
Pe’ chello che ‘sta femmena mm’ha fatto,
Vurria ch’ ‘a luna se vestesse ‘e lutto.
Quanno se ne venette â parta mia,
Ero ‘o cchiù guappo ‘e vascio â Sanità.
Mo, ch’aggio perzo tutt’ ‘a guapparia,
Cacciatemmenne ‘a dint’ ‘a suggità!
Scetateve, guagliune ‘e malavita!
Sunate, giuvinò, vuttate ‘e mmane!
Nun v’abbelite, ca stò buono ‘e voce!
I’ mme fido ‘e cantà fino a dimane
E metto ‘ncroce a chi mm’ha miso ‘ncroce.
Pecché nun va cchiù a tiempo ‘o mandulino?
Pecché ‘a chitarra nun se fa sentì?
Ma comme? Chiagne tutt’ ‘o cuncertino,
Addò ch’avess’ ‘a chiagnere sul’i’.
Chiagnono ‘sti guagliune ‘e malavita.

Fonte: Quicampania.it

Potrebbe anche interessarti