Leggende in Lingua Napoletana: ‘O crucifisso ca parlaje e avette na preta nfaccia

Crocifisso miracoloso di Sant'Agnello - particolare
Crocifisso miracoloso di Sant’Agnello. In mano reca una pietra, simbolo dell’episodio di cui è protagonista (particolare)

Ho scoperto, grazie a una visita guidata organizzata da Sii Turista Della Tua Città, che nei Sotterranei Gotici della Certosa di San Martino è conservato un crocifisso particolare, portando questo una macchia scura sulla parte destra del volto di Gesù, la quale secondo la tradizione è stata causata da un colpo di pietra ricevuto dalla figura. Perché il crocifisso fu raggiunto da una pietra è spiegato in una lapide posta accanto all’immagine di Cristo, così, invece di riscrivere semplicemente quella storia, ho deciso di riportarla in Lingua Napoletana, nel progetto di valorizzazione di questa lingua e della tradizione partenopea. Vi ricordo, infatti, che Vesuvio Live ha creato da tempo quella che ci risulta la prima (e forse l’unica) rubrica in Lingua Napoletana del web.

Prima di lasciarvi al racconto sottolineo, come sempre, che anni di studi e utilizzo dell’Italiano non possono che compromettere la purezza del Napoletano, il quale farà uso di tanti prestiti, una difficoltà cui spero di ovviare strada facendo: nel frattempo, lettori, siate clementi, e sappiate che ogni consiglio e riflessione se costruttivi sono ben accetti.

‘O crucifisso petriato ‘e Sant’Agnello

Era ll’anno mille e treciento quanne n’ommo chino ‘e devuzione, ca se chiammava Tummaso, mprestaje na cosa ‘e sorde a nu cumpare d”e suoje senza vulé nu cuntratto scritto comme garanzia, ma surtanto ‘o ggiuramento fatto annanze ô santissimo crucifisso d”a cchiesa ‘e Sant’Agnello, uno d”e cinquantaduje sante prutettore ‘e Napule, ca cê turnave arrete ‘o juorno c’avevane decise nzieme.

Visto ca era passato ‘o tiempo e ‘o cumpare s’annegaje, propio annanze a chella stessa fiùra ‘e Giesù Cristo, c’avette prestate ‘e denare, ‘o crucifisso dicette chesti pparole: “Miserabbile, tuorna arrete chello ca hê turnà”. Isso, ‘o cumpare, se pigghiaje accussì collera ca menaje na preta nfaccia â croce e ‘o cugliette ncoppo ‘a parte diritta, la quale comme si fosse ‘e carna viva se facette subbeto viola, e se vede ancora.

‘O cumpare rummanette accussì tisico tisico, nun ce steva manéra pô fà movere, ma po visto ca se pentette e ca chillu buon’ommo ‘e Tummaso priava pe isso, fuje sanato d”a malatia e facette penitenzia finché era vivo. ‘Stu fatto conta pirciò quatto cose maravigliose: ‘o crucifisso ca ha parlato, ‘a mulignana ncoppo ‘a faccia sacra, ‘o cumpare primma tisico e po sanato. Sit nomen domini benedictum.

Lapide del crocifisso di Sant'Agnello
Lapide del crocifisso di Sant’Agnello
Lingua Napoletana
Crocifisso miracoloso di Sant’Agnello

Potrebbe anche interessarti