Leggende napoletane raccontate in Napoletano: ‘o Diavulo ‘e Palazzo Penne

Leggende napoletane: Palazzo Penne

Proteggiamo la nostra storia, la nostra cultura, la nostra tradizione, le nostre storie, la nostra lingua. La città di Napoli è ricca di racconti e leggende, tramandati per via orale in lingua originale, ma scritte quasi esclusivamente in italiano, fattore che fa loro perdere fascino, significati e carica emotiva, e allora ecco che qui potete leggere le leggende napoletane raccontate in Napoletano, un’operazione che sembra facile ma non lo è affatto, perché anni di studi e utilizzo dell’Italiano non possono che compromettere la purezza del Napoletano, il quale farà uso di tanti prestiti, una difficoltà cui spero di ovviare strada facendo: nel frattempo, lettori, siate clementi, e sappiate che ogni consiglio e riflessione se costruttivi sono ben accetti.

‘O Diavulo ‘e Palazzo Penne

Palazzo Penne è n’antico palazzo ‘e Napule, ca sta nu poco cchiù annanze ‘e Largo Banchi Nuovi, vicino a Miezocannone. Ncirca a chistu palazzo nce sta na leggenda vecchia assaje, d”o tiempo ca fuje aizato, tanto ca ogge vène chiammato “’o palazzo d’o Diavulo”.

Quanno Antonio Penne venette dinto ‘a città p”a primma vòta, tant’anne fa, era ‘o mille quattuciento e sei, s’annamuraje ‘e na femmena veramente bella ca nun sapimme cchiù comme se chiammava, ma teneva paricchie pretennente, e dicette vicino all’ommo ca se l’avesse spusato sultanto si avesse fravecato nu palazzo pe essa, comme pegno d’ammore, dint’ a na sola nuttata. Antonio accussì accuminciaje a penzà na manera pe ce ngarrà, e decidette ‘e vennere l’anema ‘o Diavulo. Ncoppo ‘o cuntratto, però, ce riuscette a ncatastà na clausola ‘a leggere sulo na vòta fernuto ‘o palazzo.

Aizato ‘o palazzo, ‘o Diavulo, siconn’ a chella clausola, aveva da cuntà tutte l’acine ‘e na grossa sporta ‘e grano. Fernuto ‘e cuntà ‘o nummero nun era chillu justo, pecché Penne mpiciaje l’acine, ca s’azzeccajene pirciò sott’ all’ogne d”o Diavulo. Chisto, fatto fesso, s’arraggiaje, ma Antonio Penne se facette ‘o segno d”a croce e accussì s’arapette nu pertuso mmiezo ‘a curtina, nu puzzo ca ‘o facette sprufunnà a Casudiavulo e ca ancora ogge sta llà.

Palazzo Penne
Palazzo Penne. Foto: Panoramio

Traduzione in Italiano. Il Diavolo di Palazzo Penne

Palazzo Penne è uno storico palazzo di Napoli, situato nelle prossimità di Largo di Banchi Nuovi, vicino Via Mezzocannone. Su questo palazzo aleggia un’antica leggenda che risale al tempo in cui fu costruito, e che ancora oggi fa che la costruzione sia nota come “il palazzo del Diavolo”.

Quando Antonio Penne giunse in città parecchi secoli or sono, nel 1406, si innamorò di una giovane bellissima della quale si è perso il nome, che aveva tanti corteggiatori e disse all’uomo che lo avrebbe sposato soltanto se le avesse costruito un palazzo, come pegno d’amore, in una sola notte. Antonio pensò dunque al modo attraverso cui riuscirci, e decise di chiedere l’aiuto del Diavolo, che in cambio volle l’anima. Nel contratto che firmò con il sangue, tuttavia, riuscì a inserire una clausola da rivelare solo a edificio ultimato.

Terminato il palazzo, il Diavolo, secondo quella clausola, doveva contare tutti i chicchi di un sacco di grano. Al termine della conta il numero non era esatto, perché Penne cosparse della pece sui chicchi, che si attaccarono sotto le unghie del Diavolo. Costui, ingannato, si arrabbiò, ma Antonio Penne si fece il segno della croce e si aprì un buco nel mezzo del cortile, un pozzo che lo fece ritornare all’Inferno e che ancora oggi si trova lì.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più