Gli Uffizi a Casal Di Principe: l’arte sbarca in Terra di Lavoro

uffizi casal di principe

Casal di Principe pronta al riscatto. Promuovere la legalità attraverso l’arte, questa l’idea che fa da sfondo all’organizzazione della mostra “La Luce vince l’ombra – Gli Uffizi a Casal di Principe” che Venerdì 25 settembre 2015, a partire dalle 19.oo, ospiterà una conferenza ricca di interventi.

L’evento, allestito in un bene confiscato alla camorra all’interno del Comune di Casal di Principe (CE), sarà visitabile fino al 21 Ottobre 2015 al costo di 15 euro (biglietto 15€, comprensivo di accesso alla mostra, aperitivo e service) il cui ricavato sarà investito in progetti a sfondi sociali.

La mostra vanta la presenza di opere provenienti dai più grandi musei campani e nazionali, quali il polo museale degli Uffizi, di Capodimonte, della Reggia di Caserta e del Museo Provinciale Campano, realizzate da pittori che nacquero o lavorarono a Napoli, città d’arte per eccellenza.

PROGRAMMA

GIORNATA DELLA LEGALITÀ
LA LUCE VINCE L’OMBRA GLI UFFIZI A CASAL DI PRINCIPE
25 Settembre 2015 – h. 19:00
Via Urano, villa “Don Diana”, Casal di Principe (CE)
PRESENTAZIONE
Gianluca Natale

INTERVENTI
Dott. Renato Natale
Sindaco del comune di Casal di Principe
Dott. Stefano Scarpa
Rappresentante Rotaract Distretto 2100
Dott.ssa Alessandra Clemente
Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli
Dott.ssa Maria Franchetti
Presidente Rotaract Club Aversa Terra Normanna
Avv. Tullio Tiani
Presidente Rotaract Club Napoli Posillipo
Dott. Pasquale Angelo Spina
Presidente Rotaract Club Napoli Sud Ovest
Luca Granata
Presidente CdS Dip. di Giurisprudenza, Univ.“Federico II”
Costantino Diana
Presidente GCM – Giovani Campani nel Mondo

LE OPERE ESPOSTE
“Incredulità di San Tommaso”, pittore del Seicento da Caravaggio
“Salomè con la testa del Battista”, Giovan Battista Caracciolo, detto “il Battistello”
“Concerto”, Bartolomeo Manfredi
“Strage degli Innocenti”, Massimo Stanzione
“Cristo legato”, Jusepe de Ribera detto “lo Spagnoletto”
“San Girolamo”, Jusepe de Ribera detto “lo Spagnoletto”
“Santa Caterina d’Alessandria”, Artemisia Gentileschi
“Venere dormiente scoperta da un satiro”, Giovan Francesco de Rosa detto “Pacecco de Rosa”
“Morte di Assalonne”, Domenico Gargiulo detto “Micco Spadaro”
“Vanitas”, Mattia Preti
“Cristo e la moneta”, Mattia Preti
“Parabola di San Matteo o Monito di Gesù”, Salvator Rosa
“Natura morta con ortaggi e fiasca di fiori”, Giovani Battista Ruoppolo
“L’avaro”, attribuito al Maestro dell’“Annuncio ai pastori”
“Natura morta con pesci e tartaruga”, Giuseppe Recco
“Autoritratto”, Luca Giordano
“La carità”, Luca Giordano
“Figura femminile seduta, Mater”, scultore del III-II sec a.C.
“Fate Presto”, Andy Warhol
“Adorazione dei Pastori”, Gerrit van Honthorst detto “Gherardo delle Notti”

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più