Quattro giornate di Napoli: il popolo onora i suoi caduti

 

quattro giornate di napoli

Mercoledì 30 settembre in occasione della chiusura delle celebrazioni per “Le Quattro Giornate di Napoli” saranno onorati tutti i napoletani che tra il 1940 e il 1943 furono vittime inermi di bombardamenti e mitragliamenti.

L’Associazione I Sedili di Napoli–Onlus e le Unioni Cattoliche Operaie del Centro Storico di Napoli, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, ricorderanno i civili caduti durante la Seconda Guerra Mondiale dove si colpì incessantemente Napoli che all’epoca divenne la città più martoriata d’Italia: “Napoli, durante la Seconda Guerra Mondiale, si trovò ad essere un obiettivo strategico. Già dal 1° novembre del 1940, i bombardieri della Royal Air incominciarono a sganciare centinaia di bombe sulle zone vicine al porto di Napoli. I bombardamenti si intensificarono sempre di più nel corso degli anni successivi quando a quelli inglesi si aggiunsero anche i bombardieri statunitensi e gli obiettivi divennero anche gli edifici pubblici e le chiese. Lo scopo era quello di far sollevare la popolazione contro l’esercito tedesco; cosa che avvenne solo nel settembre del 1943 e che comportò anche la violenta reazione dell’aviazione germanica. In questi anni, morirono sotto i massicci bombardamenti, oltre 25.000 cittadini Napoletani”.

Donne, anziani e bambini, nessuno venne risparmiato in quella orribile guerra. Centinaia di napoletani morirono nei rifugi per il crollo dei palazzi e tanti altri persero la vita mentre cercavano la salvezza. In memoria degli orrori della guerra venne posta una lapide nel “Rifugio di San Lorenzo” di Piazza San Gaetano. E’ sempre qui, dove sono stati conservati preziosi ricordi bellici e dove sorge un piccolo Museo delle Quattro Giornate, che viene ospitata l’Associazione Napoli Sotterranea.

Accompagnati da un corteo di stendardi e dalla Banda Musicale I Sedili di Napoli il popolo napoletano raggiungerà i luoghi simbolo del sacrificio dei napoletani: il rifugio San Lorenzo a Piazza San Gaetano e la chiesa dei Santi Filippo e Giacomo a Spaccanapoli dove verranno deposte due corone di alloro con i colori della Città di Napoli.

Quando: mercoledì 30 settembre – ore 17
Dove: sagrato della Cattedrale di Napoli

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più