18 aprile, si celebra oggi la Giornata internazionale dei monumenti e dei siti

Giornata internazionale dei monumenti e dei siti

Oggi, 18 aprile 2021, si celebra la Giornata internazionale dei monumenti e dei siti. Nel 1982 l’ICOMOS (International Council on Monuments and Sites) ha istituito il 18 aprile come Giornata internazionale dei monumenti e dei siti. In seguito l’iniziativa ha avuto anche il sostegno dell’Unesco. Ogni anno le organizzazioni sostenitrici concordano un tema cardine intorno al quale far vertere le attività organizzate dai membri, dai comitati scientifici nazionali e internazionali, dai partner e da chiunque voglia partecipare alla celebrazione della Giornata. Quest’anno ICOMOS pone un accento sulla conservazione del patrimonio culturale finalizzato all’incisività, sostenendo in un comunicato:

La conservazione del patrimonio culturale richiede un esame critico del passato, tanto quanto la sua pratica richiede disposizioni per il futuro. Negli ultimi anni i dibattiti sull’omissione e la cancellazione di certe narrazioni e il privilegio di storie particolari rispetto ad altre sono giunti al culmine. Affrontare storie contestate implica quindi conversazioni complesse, evitando punti di vista e interpretazioni distorte del passato.

Con questo intento ICOMOS desidera impegnarsi nella promozione di nuovi discorsi, approcci diversi e sfumati alle narrazioni storiche esistenti, per supportare punti di vista inclusivi e diversi. Scoprire e generare narrazioni più inclusive può abbracciare un’ampia gamma di questioni di conservazione, come i monumenti rovesciati dell’oppressione all’interno di spazi civici condivisi. Oggi, molti monumenti e siti si distinguono per la loro storia che però richiederebbe approcci più inclusivi.

Per questo, il fine primario di ICOMOS è quello di innescare un dialogo sul patrimonio che rappresenta culture e comunità diverse. Ma non solo: quest’anno l’iniziativa si pone l’obiettivo di mettere in risalto la parità dei diritti delle donne e della comunità LGBTQ+. Questa visione ha come auspicio la realizzazione di un futuro tollerante. L’iniziativa invita chiunque voglia prendere parte a fornire progetti e idee che portino il messaggio di un’integrazione universale.

Potrebbe anche interessarti