Napoli. Le favole napoletane in scena al Museo del Sottosuolo. Ecco quando

museo del sottosuolo

Napoli – Da sabato 15 ottobre al Museo del Sottosuolo di Napoli, l’istrionico Massimo Andrei torna a trasformare in teatro luoghi non convenzionali con spettacoli unici, racconti di terra e di mare. Dopo essere stato protagonista del successo delle serate di Positano e di Napoli, nel Chiostro di San Lorenzo Maggiore, con le Favole del Mare, il vincitore del Premio Pistrice 2016 veste ancora una volta i panni di narratore per entrare nel sottosuolo della bella Partenope, a 25 metri sotto terra.

Nella struttura di Piazza Cavour, 140, il nuovo spettacolo di Massimo Andrei, prodotto dalla Tappeto Volante, affronta storie viscerali, parlando e recitando nelle viscere della terra, con personaggi e una lingua che appartengono alle viscere di ognuno di noi. Un percorso di racconti, storie comiche e fantastiche, cunti antichi e leggende metropolitane nate o ambientate nel sottosuolo. Un lavoro a più voci, attori e cantanti, per evocare e suggestionare in modo buffo, dalle profondità della terra, dalle cavità sotterranee.

In questo nostro mondo fatto di cruenta realtà e dolorose vicende realistiche, ecco ritornare il fatato mondo dei cunti con i suoi magici e bizzarri personaggi. La fiaba altro non è che un uomo che racconta una storia ad altri uomini… e questo non è altro che l’origine del teatro. Con Le Favole Sotterra il mondo fiabesco torna dolcemente, e forse necessariamente, per farci evadere per qualche attimo dalla dura realtà e farci sognare, ma sempre restando con i piedi per terra, anzi, sotto terra.

Per maggiori informazioni e per consultare il calendario con tutti gli orari ed i giorni delle rappresentazioni è possibile consultare il sito ufficiale. Ricordiamo, inoltre, che per assistere ad ogni spettacolo la prenotazione sul sito è obbligatoria.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più