Il capo ultras dell’Inter denuncia: “Ecco cosa ci hanno fatto a Napoli!”


PUBBLICITA' ELETTORALE

Curva A gemellaggio ultrasCurva A squalificata, è questa la decisione presa ieri e che è arrivata quasi come un fulmine a ciel sereno visto che la partita di Coppa Italia contro l’Inter sembrava ormai archiviata dopo le tante polemiche legate soprattutto allo scontro mediatico Sarri-Mancini. Contro l’Empoli il Calcio Napoli dovrà fare a meno di una parte calda del tifo, e a tornare sull’argomento è stato uno dei capi ultras storici della Curva Nord dei nerazzurri che ha raccontato gli episodi legati alla notte del San Paolo.

Ecco le sue dichiarazioni rilasciate ai microfoni di TeleLombardia: “Allo stadio hanno fatto entrare un pullmann alla volta dopo aver perquisito tutti i tifosi dell’Inter. All’esterno del settore ospiti ad un certo punto sono arrivati gli ultras del Napoli con volto coperto e armati di cinghie e bastoni e i tifosi nerazzurri naturalmente si sono difesi. Poi è arrivata la Polizia: gli interisti sono stati colpiti da dure manganellate, i napoletani sono riusciti a dileguarsi. E io mi chiedo: come hanno fatto ad entrare? Il San Paolo pare un carcere, ci sono molti cancelli ed è difficile superarli: quindi penso alla malafede, qualcuno l’avrà fatto di proposito lasciando libero l’ingresso ai tifosi del Napoli“.

 

Potrebbe anche interessarti