Higuain: “Sono stufo”. Ecco da dove nasce lo sfogo del Pipita

Higuain

La meta cerchiata di rosso sulla carta geografica pare sia proprio Madrid, ma non è per le vacanze che il cannoniere del Calcio Napoli Gonzalo Higuain vorrebbe andarci. Piuttosto per raggiungere il suo connazionale Diego Simeone, attuale allenatore dell’Atletico, due volte finalista della Champions League negli ultimi tre anni.

Il Cholo gli fa la corte per riuscire finalmente ad alzarla quella coppa, Higuain (almeno il fratello procuratore) ammicca perché alzarla non dispiacerebbe nemmeno a lui, visto che in Italia quest’anno nemmeno il suo straordinario record di gol è servito a mettere in bacheca almeno lo Scudetto.

Il punto, in realtà sembra essere proprio questo. Udine il vaso di Pandora dal quale sono usciti tutti i mali, il momento in cui – stando ad un’indiscrezione riportata dall’edizione odierna de La Repubblica di Napoli – Higuain avrebbe compreso di non poter vincere, a suo dire, nel nostro campionato. Dopo la famosa espulsione rimediata nel nuovissimo impianto della Dacia Arena lo scorso 3 aprile il Pipita, infatti, avrebbe avuto un durissimo sfogo negli spogliatoi dello stadio: “Basta, in Italia non è possibile vincere, sono stufo“.

Non solo, perché il numero 9 partenopeo subito dopo si rifugiò per due giorni in una delle tre abitazioni che possiede nella capitale spagnola, dove secondo alcuni esperti di mercato l’Atletico avrebbe cominciato a tessere i fili di una ragnatela ancora tutta da finire. In fondo, infatti, lo stesso attaccante proprio pochi giorni fa, durante la Coppa America che stava disputando con la Nazionale Argentina, rassicurò i tifosi del Napoli sulla sua permanenza.

A spaventare la città, però, ci ha pensato invece il fratello di Higuain, che ha dichiarato tutta la sua perplessità sul progetto di Aurelio De Laurentiis e sulla possibilità di un rinnovo a fine contratto. Quest’ultimo scadrà in realtà fra due anni, ma ovviamente i mal di pancia nemmeno troppo velati mostrati negli ultimi giorni stanno aprendo spiragli sempre maggiori alle possibili pretendenti del Pipita, interessate a portarlo via da Napoli sin da questa sessione di mercato.

Potrebbe anche interessarti