10 maggio ’87. Troisi su Maradona: “Diffido da chi paga tanti soldi, senza essere…”

Oggi, 10 maggio, ricorre il 30esimo anniversario dalla vittoria del primo Scudetto del Calcio Napoli. Una giornata storica, impressa in maniera indelebile nel cuore di tutti i tifosi azzurri. Come tale dunque, essa merita di essere celebrata con l’augurio che l’attuale compagine guidata da Maurizio Sarri possa presto tornare a farci rivivere gioie di questo tipo.

Qualche settimana prima del materializzarsi di quel sogno, intervenne per dire la sua anche un importante pezzo della storia napoletana come Massimo Troisi

“Questa volta fanno sul serio e mi sembra anche giusto. Ci sta sempre quella polemica: ma come? Coi problemi che stanno a Napoli si mettono a pensare al Napoli… Secondo questo ragionamento allora noi saremmo destinati a piangere e a stare sempre male come se lo fossimo obbligati… E invece no!  Viene quello e poi ogni tanto anche qualche soddisfazione”.

L’attesa per i suoi film era un po’ come quella per Maradona quando scendeva in campo: anche da lui ci si aspettava tanti ‘gol’

LEGGI ANCHE
Massimo Troisi, intitolate le scale di “Scusate il ritardo”: ecco quando

“A dir la verità io mi divertirei di più a giocare a pallone sebbene si tratti di una carriera breve. Mi sarebbe piaciuto essere come Maradona fino all’età di adesso (34 anni, ndr) per poi incominciare a fare cinema”.

Per concludere, un commento su Diego:

“Per me Maradona è un grande giocatore: il più grande del mondo. Quindi mi sembra inutile obbiettare il fatto che prenda tanti soldi. Io diffido sempre da chi guadagna tanto senza però essere il più grande di tutti…”

Di seguito, il video dell’ intervista:

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=fGS_zOskIGY[/youtube]

Potrebbe anche interessarti