Juve-Napoli, oggi pomeriggio il primo round: 3 a 0 a tavolino o rinvio della partita

Juve Napoli – oggi la sentenza. E’ arrivato il fatidico giorno, quello della sentenza – non definitiva – del giudice sportivo che si pronuncerà sul caso Juve Napoli.

La partita più discussa delle ultime settimane e mai giocata che ha creato ancora più astio tra le società e ha fatto percepire delle regole poco rigide nel sistema. Come sono andati i fatti lo sappiamo tutti, il Napoli stava per partire per Torino in vista del match contro i bianconeri ma, l’Asl non ha acconsentito causa due positivi in squadra.

De Luca si pronuncia su Juve Napoli

Su Juventus-Napoli mi aspetto che il giudice sportivo decida in saggezza– ha spiegato ieri il ministro Spadafora interrogato sull’argomento – è una decisione che potrebbe fare giurisprudenza, infatti sto attendendo anche io, ma non mi sembra il caso di esprimere un commento a riguardo 24 ore prima“.

SARA’ 3 A 0 A TAVOLINO O CI SARA’ IL RINVIO?

Qualunque dovesse essere la sentenza di oggi pomeriggio, come già spiegato in precedenza, non sarà quella definitiva perché le squadre in caso di “sconfitta” faranno appello al ricorso.

La Juve chiede il 3 a 0 a tavolino poiché il Napoli non ha rispettato il protocollo della Lega Serie A e non si è presentato il giorno della partita. Dal canto suo il club azzurro evidenzia le cause di forza maggiore, allegando anche il carteggio con l’Asl 2 di Napoli, la prenotazione dell’hotel.

Nella memoria difensiva anche le quattro comunicazioni ricevute dall’autorità sanitaria locale e quella della Regione, la prenotazione dei tamponi a Torino: oltre alla presenza a Caselle il giorno prima della partita del pullman societario pronto ad accogliere la squadra di Gattuso. Un legittimo impedimento che, nella tesi difensiva del Napoli, avrebbe fatto saltare il match.

Qualunque sia la sentenza sicuramente le polemiche continueranno – polemiche che sono il pane quotidiano del calcio italiano – sperando che questa partita, non giocata, possa essere solo da insegnamento per il futuro, sia per le società che per i vertici.

Potrebbe anche interessarti