Un muro per passeggiare sotto il lungomare Caracciolo. Ecco il progetto

waterfront

Il lungomare di Napoli, specialmente fra via Caracciolo e la Villa Comunale, è probabilmente una delle zone più caratteristiche della città. Tuttavia, escludendo l’idea del sindaco De Magistris di renderlo pedonale, non c’è mai stato un progetto valido per rinnovarlo e valorizzarlo ulteriormente con nuovi impianti e lavori di ristrutturazione. Eppure, secondo il “Corriere del Mezzogiorno”, sta facendo capolino un innovativo progetto che cambierà in maniera definitiva l’adorata camminata sul mare.

L’architetto Paolo Giordano, insieme al gruppo di lavoro del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale della Sun composto dai dottorandi e studenti Luigi Corniello, Vito Benito, Maria Vozza, con Mario Capasso, Arturo Carleo, Domenico Federico, Teresa Patriziano, Federico Trinchillo, ha progettato il Waterfront: un vero e proprio muro che si ergerebbe al di sotto del livello della carreggiata consentendo di passeggiare quasi sul pelo dell’acqua.

via caracciolo_0

Come spiega lo stesso Giordano:“L’ipotesi progettuale è stata costruita a partire da due condizioni fortemente connesse tra loro: da una parte la consapevolezza della qualità architettonica del progetto di suolo in pietra vulcanica caratterizzante la linea di costa che collega, da oriente ad occidente, la darsena del Molosiglio con Mergellina, dall’altra la prossima inaugurazione delle stazioni della metropolitana ubicate a Piazza Vittoria e Piazza San Pasquale”.

L’architetto spiega anche come cambierebbe l’intera estetica della zona e la circolazione:“Il progetto proposto ipotizza il ridimensionamento della carreggiata di via Caracciolo e il relativo ampliamento del marciapiede fronte mare con ripavimentazione in pietre laviche, sia della sede stradale e sia delle aree pedonali laterali, così come realizzate in origine e come si riesce a evincere dalla documentazione fotografica di fine Ottocento. Inoltre prevede la realizzazione di un sottopasso carrabile, al di sotto dell’area di sedime dell’attuale viale Dorhn, per rendere possibile il soprastante ricongiungimento della Villa Comunale con il fronte mare nell’insula compresa tra la Stazione Zoologica e piazza della Repubblica e la definitiva pedonalizzazione di tale ambito. Una pedonalizzazione che, nei fine settimana e nella stagione estiva, potrebbe estendersi a tutto il tracciato stradale meridionale compreso tra piazza Vittoria e piazza della Repubblica attraverso l’installazione di dissuasori a scomparsa sotto il livello stradale così come in uso in molti centri storici protetti d’Europa.”

Potrebbe anche interessarti