Video. Pozzuoli, sputi e spintoni ai vigili. Il web se la prende con i caschi bianchi

rissa vigili Pozzuoli

Inciviltà e comportamenti violenti ai danni delle forze dell’ordine di Pozzuoli. Ieri pomeriggio, intorno alle 19 e 30, ad Arco Felice in piazza Aldo Moro, due agenti della polizia municipale sono stati aggrediti sia verbalmente che fisicamente da due uomini già noti alle forze dell’ordine.

I caschi bianchi avevano notato una manovra a dir poco azzardata di una Lancia Y , con a bordo 5 persone di ritorno dal mare, che stava effettuando un sorpasso pericoloso lì dove era vietata una simile manovra. La vettura viene bloccata dagli agenti e nel momento in cui l’azione è contestata all’autista si scatena la bagarre davanti agli occhi prima increduli e poi arrabbiati dei cittadini.

Nei confronti dei vigili urbani volano sputi e spintoni, anticipati da un fare minaccioso della banda. La scena, a dir poco inquietante nella quale gli agenti sono vittima dei balordi, è stata ripresa da un telefonino che ha girato gran parte della scena. Le immagini diventano virali in rete tra l’indignazione generale degli internauti, i quali puntano il dito nei confronti dei vigili, a loro dire, incapaci di reagire, come si dovrebbe, alla prepotenza.

La storia, non filmata dal cellulare, racconta di un successivo arresto, poco più avanti dell’accaduto, scattato nei confronti di due persone residenti a Pianura, attori principali della rissa. Gli altri 3 l’hanno scampata. Oggi saranno già giudicati per direttissima.

La ricostruzione dell’episodio violento, nonostante la “vergogna” pronunciata dai tanti internauti per il mancato intervento coatto da parte dei vigili, è da giustificarsi nel tentativo di mantenere l’ordine pubblico. Non a caso, infatti, l’auto è stata subito bloccata qualche metro più avanti da posti di blocco già predisposti.

Ecco il video che ha fatto il giro del web (clicca sul player per far partire le immagini):

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più