Ancora morti nel napoletano. Uomo freddato in pieno centro ad Acerra

acerra

Napoli ancora una volta macchiata di sangue. Nella serata di ieri, verso le 19.30, un uomo è stato ucciso in piazza San Pietro ad Acerra, mentre sostava su una panchina nei pressi di un’edicola votiva. Adalberto Caruso, pregiudicato di 57 anni, cognato del boss Cuono Lombardi, era legato agli ambienti malavitosi, anche se non in maniera rilevante, come hanno messo in luce le indagini condotte dagli inquirenti.

L’esecuzione è di stampo camorisstica. Caruso, conosciuto in paese anche come «Ignazio ’a ’mbechera», era seduto su di una panchina nel centro della piazza gremita di gente quando, nel bel mezzo del via vai cittadino, un killer si avvicinato esplodendogli un solo colpo di arma da fuoco che lo ha raggiunto all’occhio sinistro.

Panico tra la gente che, in pochi attimi, si è dispersa abbandonando la piazza. Il traffico nella strada adiacente si è improvvisamente paralizzato, rendendo così dificile il trasporto in ospedale. Continuano intanto le indagini ad opera del tenente colonnello Coppola, nuovo comandante del gruppo Castello di Cisterna.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più