Rione Sanità, cittadini ripuliscono il quartiere dai pregiudizi

Adda Passà 'a Nuttata
Foto pagina facebook associazione Adda passà ‘a Nuttata

Non definitelo “quartiere della paura“, come molti pensano e dicono. Il Rione Sanità è vivo e mostra la forza di chi non vuole arrendersi alla malavita e all’incuria della politica. Lì dove è stato assassinato il giovane Genny Cesarano, è stato ritrovato un pezzo di un acquedotto augusteo in perfette condizioni.

Ieri, l’associazione no profit “Adda passà ‘a Nuttata“, si è resa protagonosta di un social flah mob, nel quale si sono visti impegnati anche dei bambini intenti a ripulire il rione. Armati di scope, hanno completamente “lucidato” i vicoli e le strade. A partecipare tanti cittadini e commercianti della zona.

Giovani e tanti volontari per riprendersi il futuro della città. Un quartiere dove si respira cultura ma da anni non curato e troppo spesso sbattuto in prima pagina per i fatti di cronaca nera. Un’azione che dovrebbe ripetersi prossimamente.

Potrebbe anche interessarti

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy