San Giorgio a Cremano, sequestra la consuocera e minaccia di darle fuoco: in carcere 80enne

sequestro di persona

Si è sfiorata la tragedia a San Giorgio a Cremano, dove stamane un uomo di 80 anni ha compiuto un sequestro di persona -ai danni della propria consuocera, sua coetanea, e – nella sua stessa casa – ha tentato di dare fuoco a lei e all’appartamento. Il tutto è stato sventato dagli uomini della stazione dei carabinieri della stessa cittadina vesuviana, grazie anche all’aiuto del figlio della vittima.

Quest’ultima, infatti, dopo essere stata minacciata con una pistola – poi rivelatasi un’arma giocattolo – è riuscita a chiamare le forze dell’ordine, il cui tempestivo intervento è stato provvidenziale: l’uomo, originario di Caserta, infatti aveva con sé due taniche di benzina e stava minacciando la donna di bruciarle la casa, sita a San Giorgio a Cremano in via Gianturco, se non gli avesse restituito una somma di denaro che il figlio gli avrebbe ingiustamente sottratto. Proprio quest’ultimo, però, è riuscito a fornire agli agenti le chiavi dell’appartamento materno e ad aiutarli a sventare il sequestro di persona, salvando così la vita della madre.

L’anziano è ora agli arresti nel carcere di Poggioreale con l’accusa proprio di sequestro di persona e minacce aggravate. Sotto choc ovviamente, invece, la donna – di San Giorgio a Cremano – che ha seriamente temuto per la sua incolumità e per la sua stessa abitazione.

 

Potrebbe anche interessarti