L’dea per salvare Dante&Descartes: ecco cosa avrà in cambio chi dona

libreria“Ricordare gli inizi dell’avventura è per me molto divertente, i primi giorni mi trovai in una stanza vuota, con degli scaffali da riempire e tanti vecchi libri da tirare fuori dagli scatoloni…”. Così inizia il racconto del proprietario della libreria Dante&Descartes, situata in un angolo di Piazza del Gesù Nuovo, nel cuore del centro storico.

I proprietari, in effetti, sono due: Raimondo e Giancarlo. Il secondo nominato, un ragazzo di 27 anni, che altro sogno non ha se non quello di mantenere in vita la libreria al Gesù, messa in piedi tra libri impolverati, libri donati e chiacchiere letterarie in un centro storico nel quale i testi stanno scomparendo, cedendo il posto ad attività più redditizie, come quelle culinarie. Dante&Descartes è in vita, in quel negozio, dal 2011 eppure oggi rischia di mettere fine alla sue pagine. Ma questo si può evitare.

Si, perché i proprietari delle mura, avendo ricevuto proposte commerciali, hanno messo in vendita l’immobile, che può risultare appetibile visto la sua posizione centrale. Giancarlo e Raimondo, in quanto, affittuari, hanno diritto di prelievo sull’immobile, ma non abbastanza denaro per acquistarlo.

Cosa è avvenuto quindi? E’ successo che la collettività si è messa in moto, partendo da un’iniziativa di Produzioni dal basso, la quale ha dato vita ad una campagna di crowdfunding per raccogliere il resto dei soldi che mancano per l’acquisto. La campagna ha preso il nome di “A Piazza del Gesù Nuovo 14 non volava una carta”, comunità che si può trovare anche su Facebook.

“Chi conosce la libreria sa che abbiamo un progetto concreto e quanto ci interessi portare avanti questo vecchio e malandato mestiere” si legge sulla pagina Facebook della comunità, sottolineando, inoltre, che a battaglia finita, entrambi i proprietari offrono la garanzia che fin quando resteranno “in vita (e speriamo anche dopo di noi) a piazza del Gesù Nuovo 14 ci sarà una libreria stracolma di libri a disposizione dei lettori.”

Fare donazioni è molto semplice e si può fare in due modi:

  1. tramite il sito ufficiale;
  2. fisicamente alla libreria Dante&Descartes, in Piazza del Gesù Nuovo 14.

Tutti i donatori, riceveranno in libri, la somma versata per la donazione, cosicché, assieme all’economia, anche la cultura possa girare, combattendo l’appiattimento che subisce negli ultimi decenni, con le tentate unificazioni dei pensieri. Basta poco, basta un pensiero.

Potrebbe anche interessarti