Video. TG 5 ancora contro Napoli: “Sembra di stare in Zimbabwe, forse Napoli”

TG 5 Spazzatura RomaQuesta è Ginevra, non Napoli“, Tg 5 del 13 aprile 2016. “Sembra di stare in Zimbabwe forse a Napoli, non lo so“, Tg 5 del 15 giugno 2016. Due mesi dopo Mediaset con il notiziario delle ore 20 colpisce ancora scagliandosi indirettamente contro la città di Napoli.

L’argomento del servizio è Roma, la spazzatura presente per le strade del centro storico alla vigilia delle imminenti elezioni a sindaco. Un nodo, come fa notare il Tg, da sciogliere il prima possibile da chi avrà l’onore e l’onere di sedersi sulla sedia bullonata da primo cittadino della capitale.

Sullo sfondo però, così come fu per il caso svizzero (Questa è Ginevra, non Napoli) c’è la città partenopea deputata ancora una volta a svolgere l’ingrato ruolo di termine di paragone di una vergogna e di un degrado romano sotto gli occhi di tutti.

La strategia seguita dal Tg 5 non è dissimile da quanto praticato in passato: non è il giornalista, ma una persona qualunque a citare il capoluogo campano. Ancora una volta, sebbene il servizio tenti di raccontare lo squallore delle strade e le preoccupazioni dei commercianti romani, Napoli rimbalza in tv legata indissolubilmente alla questione “monnezza”.

La scelta di mandare in onda un’intervista simile, mortifica i miglioramenti della città partenopea per quanto concerne la raccolta rifiuti. Il sillogismo Napoli uguale monnezza, però, viene ribadito da un servizio che poteva fare a meno di citare il solito ritornello che campeggia sulla bocca di tutte quelle persone che parlano di Napoli per luoghi comuni, per sentito dire e per ciò che i media filtrano attraverso immagini e parole.

Di seguito il video del TG 5 (il servizio che riguarda la spazzatura a Roma parte dal minuto 21 e 40 secondi): CLICCA QUI

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più