Attentato a Stoccolma, il killer confessa: “Ho investito su ordine dell’Isis”

Il presunto responsabile materiale dell’attentato avvenuto a Stoccolma in Svezia lo scorso 7 aprile, Rakhmat Akilov che è stato successivamente arrestato dalla polizia svedese ha rivelato agli inquirenti di aver ricevuto ordini dall’Isis. A riportarlo è il quotidiano Aftonbladet. Pare infatti che il 39enne uzbeko abbia dichiarato di appartenere allo Stato Islamico e di essere il responsabile dell’attentato. “Ho investito degli infedeli”, questo è quanto ha dichiarato Akilov dicendo di aver ricevuto ordini da membri del gruppo jihadista in Siria.

Le autorità locali hanno confermato solo che il sospettato era arrivato in Svezia nel 2014, che fu respinta la sua richiesta di asilo e che da febbraio era ricercato dalle forze dell’ordine. L’attentatore, secondo i media svedesi viveva in un appartamento in un sobborgo della zona meridionale con altre persone di nazionalità uzbeka. La Polizia durante una perquisizione nell’appartamento ha fermato diverse persone.

Il capo dell’intelligence Anders Thornberg ha dichiarato che le forze dell’ordine svedesi stanno monitorando da vicino i militanti dell’estrema destra per evitare possibili vendette, “Le cose sono in evoluzione. Ci sono conversazioni in cui si parla di farsi giustizia da soli. Molti sono arrabbiati, si parla di vendetta e di violenza”.

Potrebbe anche interessarti