Storia dei pasticcieri Bellavia: da Palermo a Napoli una tradizione lunga 92 anni

Un’amara notizia quella della chiusura della sede della Pasticceria Bellavia a via Luca Giordano. Sebbene abbiano annunciato l’apertura di una nuova sede, resta l’amarezza per il modo in cui è giunta la decisione: il proprietario di locali ha deciso di chiedere un fitto di 13mila euro al mese, troppi.

La famiglia Bellavia, a Napoli, è un’istituzione: la prima pasticceria nasce nel 1925, quando il fondatore Antonio Bellavia si trasferisce da Palermo a Napoli portandosi con sé l’antica tradizione dei dolci siciliani. Cannoli, cassate e altre specialità vengono offerte nella prima sede di Port’Alba.

Con l’arrivo dei figli Vincenzo e Giuseppe l’azienda si amplia e sorgono due nuovi sedi: una al Vomero e l’altra al Rione Alto, chiudendo quella di Port’Alba. Nel 1991 si giunge alla terza generazione e si crea una divisione commerciale e poi produttiva dei due punti vendita. Così Vincenzo Bellavia, la moglie Maria Pia e i figli si trasferiscono nella sede del Rione Alto, mentre Giuseppe con la sua famiglia rimane al Vomero.

LEGGI ANCHE
"Stipa ca truova" il nuovo mercatino Vintage del Vomero

Successivamente Vincenzo apre una nuova sede all’Arenella e, con i figli Lucio, Germano e Ursula, unisce in un’unica formula tradizione, innovazione e qualità. Nella sede del Vomero c’è (c’era) invece la famiglia di Giuseppe Bellavia.

Come ha raccontato lo stesso Diego nel suo annuncio di chiusura dell’attività, i cugini gli sono rimasti vicino e hanno aiutato lui e i fratelli in questo momento di difficoltà: un colpo duro da digerire, quello di chiudere un locale aperto 50 anni fa.

Una famiglia, quella dei Bellavia, divisi dal punto di vista lavorativo ma vicini con il cuore e con la passione e la qualità della pasticceria, che regala ai Napoletani dolci gioie da ben 92 anni.

LEGGI ANCHE
La folle Regina Giovanna II di Napoli, mangiatrice di uomini

Potrebbe anche interessarti