“Quanno Chiove”, capolavoro di Pino: la dedicò ad una prostituta

Pino DanieleRicorre oggi il terzo anniversario dalla morte di Pino Daniele. Le sue tante canzoni di successo risuonano a distanza con valore immutato dagli anni. Eterni capolavori scolpiti nel cuore e nella mente di chi ama la vera musica, quella che entra nell’anima. Tra i tanti capolavori di Pino c’è anche “Quanno Chiove”, terza traccia del suo terzo album, Nero a metà del 1980. L’album è storico e innovativo, con un sound nuovo che vedeva la commistione di generi afro-americani, in particolare blues, jazz, funky, con la tradizione folkloristica napoletana.

I testi di Nero a metà sono di denuncia sociale, accompagnati da una sottile ironia e poesia metropolitana. E’ un linguaggio che inaugura una nuova tradizione musicale napoletana. Quanno Chiove è una canzone d’amore che Pino scrisse per descrivere la vita di una prostituta. “E te sento quanno scinne ‘e scale ‘e corza senza guarda’ e te veco tutt’e juorne ca ridenno vaje a fatica’ ma pò nun ride cchiù. E luntano se ne va tutt’a vita accussì e t’astipe pe nun muri’”.

Sono i primi versi del brano, carichi di sentimento, che raccontano appunto la storia di una giovane prostituta, una ragazze come tante che quando va a lavorare “nun ride cchiù”. 

Per strada qualcuno la osserva, la osserva e poi se ne va (ma te restano ‘e parole e ‘o scuorno ‘e te ‘ncuntra’ ma passanno quaccheduno votta l’uocchie e se ne va).

La canzone di Pino, bellissima e vera, non è vana malinconia. La canzone di Pino è speranza, tutta racchiusa nella chiosa finale del testo: “Tanto l’aria s’adda cagna’”. 

L’aria cambia, e può cambiare anche la vita.

IL VIDEO

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più